Maniero a FP: «Tedino, ottimo lavoro. Anche tramite i playoff...» - Forza Palermo Calcio Giornale
ESCLUSIVA

Maniero: «Tedino, ottimo lavoro.
Anche tramite i play-off...»

Maniero a FP: «Tedino, ottimo lavoro. Anche tramite i playoff...»



Venerdì sera si giocherà una partita importante per i rosanero di Bruno Tedino. Allo stadio "Pierluigi Penzo" andrà in scena Venezia-Palermo, match delicato per le zone alte della classifica.

 

Un giocatore che ha militato sia nel Palermo che nel Venezia è Filippo Maniero.

L'ex attaccante, intervistato dalla nostra redazione, ha parlato della gara che vedrà contrapposti Tedino e Inzaghi, del momento del Palermo, del percorso fatto fin qui dal tecnico rosanero e dell'assenza dei tifosi allo stadio.

 

Secondo Maniero, Venezia-Palermo sarà una bella partita, ma non vede favoriti:

 

«Una partita interessante e molto importante. Entrambe le squadre sono nei piani alti della classifica e i punti contano veramente tanto, quindi sono tutte partite da giocare con il massimo impegno perché chi fa meglio in questo momento può ambire a qualcosa di importante. Saranno tutte partite uguali e molto attese da qui fino alla fine, saranno giocate con molta attenzione. Venezia-Palermo sarà una partita di queste, entrambe non possono sbagliare. Ci si aspetta una buona partita - ha detto Maniero - Chi vedo favorito? Non penso ci siano favorite, la posta in palio è abbastanza alta e le squadre stanno andando bene. Probabilmente ci si aspettava qualcosa di più dal Palermo, ma l'Empoli sta tenendo un ritmo troppo elevato. Forse qualcosina di qualità in più della rosa ce l'ha il Palermo, ma il Venezia non è obbligato a fare il campionato che sta facendo, l'ano scorso era in C, forse dal punto di vista mentale sono favortiti i lagunari».

 

Il Palermo, le difficoltà delle rivali e... il «metodo Bellusci»

 

Come considera il lavoro di Bruno Tedino fino a questo punto?

«Il lavoro penso ottimo considerando un allenatore che si affacciava per la prima volta in una piazza importante come Palermo, sta facendo un campionato importante. Ha una squadra competitiva per la Serie B, ma bisogna sempre fare punti sul campo. Penso sia merito suo se il Palermo è lì che si gioca la Serie A. Poi andare in A non vuol dire arrivare primi, si può andare anche tramite i playoff, quindi si può dire che il campionato sia buono. E' logico che tutti sperano che alla fine, tra le squadre che vanno in Serie A ci sia il Palermo».

 

VIDEO/ Pomini: «Palermo città meravigliosa da scoprire»

 

Cosa si sente di dire ai tifosi per tornare a riempire lo stadio?

«Il fatto degli stadi pieni è una costante generale e non solo del Palermo. E' un problema che riguarda anche la Serie A, si fa fatica a vedere gli stadi pinei. Il tifoso che ama veramente la squadra ci va tutte le domeniche. Il fatto che ci siano poche persone fa pensare che ci sono tanti che vanno quando la squadra va bene e non vanno quando si va male: è brutto dirlo, ma è così. Quando c'ero io a Palermo lo stadio era pieno ed eravamo in Serie B. L'entusiasmo è calato, ma un po' in generale, non soltanto a Palermo. Forma di contestazione non andare allo stadio? Ma la squadra è terza in classifica, cosa si vuole contestare? Penso sia un discorso generale. Alla gente non piace più il calcio come piaceva una volta. Se ci metti il fatto che la squadra va bene o male e questo ti fa andare o meno allo stadio è un altro discorso. Vent'anni fa gli stadi erano pieni anche quando le cose non andavano per il verso giusto. La gente a cui piace il calcio ci va sempre allo stadio, sia se sei primo in classifica o se sei ultimo: negli ultimi anni è cambiato questo, ma non soltanto a Palermo».

 

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *