GIUSTIZIA PER IL PALERMO - Forza Palermo Calcio Giornale
LA LETTERA

GIUSTIZIA PER IL PALERMO

GIUSTIZIA PER IL PALERMO



 

La redazione di ForzaPalermo.it si unisce ad altri operatori dell'informazione di Palermo nel lancio dell'hashtag #GiustiziaperilPalermo

 

"Una lettera aperta alla città, alle istituzioni e alla tifoseria, una lettera per dare un segnale forte di presenza e di unità, non invocando sconti di pena per grazia ricevuta o favoritismi di sorta, semplicemente chiedendo una giustizia che sia tale, libera di fare il suo corso fino in fondo e senza accelerazioni coatte, nel rispetto delle regole, dei valori dello sport e dei tifosi. Una retrocessione d’ufficio in Serie C non è mai facile da accettare, specialmente quando questa non viene dal responso del campo, ma del “palazzo”. In un campionato nel quale era stato regolarmente ammesso, il Palermo ha conquistato un piazzamento d'alta classifica: privare il diritto acquisito di disputare i play-off per via di una sentenza resa immediatamente esecutiva, con enormi dubbi sul principio regolamentare, in evidente conflitto d'interessi e senza concedere una prova d'appello, è intollerabile e ingiusto.

È necessario prendere posizione per buon senso, da cittadini e sportivi prima che da giornalisti, perché ciò che sta accadendo oggi con Palermo - e non solo con il Palermo - potrà capitare in altre circostanze, a qualunque altro sodalizio. Con senso del dovere e particolare attenzione racconteremo con le nostre penne, la nostra voce e le nostre tastiere questa vicenda, e lo faremo perché riteniamo importante che venga fatta al più presto #giustiziaperilpalermo. Invitiamo inoltre tutti coloro che leggeranno questo testo a postare lo stesso hashtag sui propri social, per sensibilizzare su questo tema non solo i tifosi di Palermo, ma anche quelli di altre città d’Italia".

 

 






17 commenti

  1. Hanno passato il limite della decenza 90 giorni fa

    Avevano la pistola carica nel cassetto. La hanno tirata fuori quando hanno voluto. Tanti poi coloro che attendevano questa manna dal cielo. E non è finita qui. Saranno tutti soddisfatti quando sta società fallirà e ricomincerà da zero. Saranno felici i creditori. In serie C non si può chiedere ad arkus di continuare. Come distruggere una società che si stava salvando, questo è il vero titolo di questo manuale

  2. Hanno passato il limite della decenza 90 giorni fa

    Ciao, Rubini. Hai capito benissimo che mi riferisco ad altri. Rendetevi conto che siamo stati intortati. Punto. Un pensiero va a dario mirri. Un eroe palermitano nella storia di questa società. L ultimo. Va dritto accanto a suo zio che non riuscì ad andare in serie A ma ci mise cuore e portafoglio. Lasciate perdere Zamparini che ha fatto i suoi errori e le sue stron zate, ma qui non c entrano più. Il Palermo è in una situazione debitori molto meno importante di tante altre società. Aveva ed ha solo un problema di liquidità risolvibile. È stato buttato nel ce sso. Solo questo conta.

  3. Aggregazione galattica lame rotanti 90 giorni fa

    La retrocessione d'ufficio e il fallimento sono stati per lungo tempo il sogno di una parte consistente dei tifosi commentatori su questo sito. Almeno adesso possono dirsi appagati, anche se effettivamente il fallimento ancora latita.

  4. Rubini 90 giorni fa

    'Hanno passato il limite della decenza'. Chi? La Arkus, la De Angeli? Foschi? Oppure Zamparini? A proposito, da quanto tempo è agli arresti domicilari, Zamparini? E' normale un periodo così lungo della misura cautelare? Non lo so. So che Zamparini è stato abbandonato da tutti e che non può neanche protestare. So che è rimasto solo anche Dario Mirri, un palermitano che ha provato a metterci la faccia e tre milioni e passa (di piccioli non di chiacchiere). Ps @Falso Rubini. 'Romoletto', l'oste? Difficile la vita per un tifoso rosanero, a Roma: 'Aò!! ma non è che mo' ingabbiano puro a te?'

  5. Rubini 91 giorni fa

    Ma scusate, chi per primo, ha parlato di TRACCHIGGI, di TESTE DI LEGNO, di TRUFFATORI, di REGOLE VIOLATE, Di CRIMINALI CALCISTICI. Ripeto, CRIMINALI CALCISTICI!! CHI CHIEDEVA l'INTERVENTO della MAGISTRATURA per FARE LUCE? CHI GRIDAVA FORZA PROCURA? Alcune (MOLTISSIME) testimonianze sono ancora presenti, vive e urlanti nell'ARCHIVIO di QUESTO STESSO SITO, che INNEGGIA nel titolo al PALERMO, infatti si chiama FORZA PALERMO. Pensa un po'!

  6. Hanno passato il limite della decenza 91 giorni fa

    No Francesco, solo risarcimenti. Per un principio di tutela delle situazioni giuridiche c.d. quesite. Non si può tornare indietro una volta che si sono giocate partite, per il buon diritto delle società terze a non veder toccato il risultato conseguito sul campo. Da ieri sappiamo anche che questo principio non vale quando si deve cautelare il Palermo. Il rigetto del cautelare in appello ha pure il sapore del sarcasmo in tal senso

  7. Francesco70 91 giorni fa

    Ma io da ignorante in materia chiedo?Ma se il Palermo si rivolgesse alla magistratura ordinaria,e quest'ultima decidesse di riammettere la squadra cosa accadrebbe?Potrebbe succedere una simile situazione?

  8. Mau49 91 giorni fa

    Quali rapporti abbia intessuto e come li abbia sviluppati.L'impressione è che quanto successo in questa settimana abbia il sapore della resa dei conti.A pagare alla fine siamo stati noi.Ma anche lui ne esce compromesso.La sua immagine,già da tempo deturpata adesso è distrutta.Il guaio è che il suo ego sfrenato lo ritiene sempre vittima di qualcuno per cui è impressione comune che nella nuova società ci sia sempre la sua presenza.Farebbe bene,se così è,ad uscire e definitivamente di scena.Non è gradito a nessuno.Chi ha il potere di critica si adoperi .

  9. Mau49 91 giorni fa

    Purtroppo questo è il risultato di anni di sfruttamento . ci si sveglia solo ora quando ai più era chiaro che il marcio veniva da colui che pian piano stava spogliando con inganno e premeditazione.Nessun organo di stampa,salvo voci isolate,gridavano , ma al vento ,inascoltate,quasi derise.Ci si doveva pensare prima.Siamo stati calpestati nella dignità e nessuno ha alzato il dito.Nessuno ha avuto il coraggio di criticare con forza nell'interesse supremo della città e dei colori.Addirittura c'era chi lo osannava come un profeta.Ridicolizzati e maltrattati.Noi non sappiamo i suoi intrighi

  10. Mic 91 giorni fa

    In sintesi, cari redattori, al posto dei difensori del Palermo non insisterei più di tanto su quanto non meritano città e tifosi, nessuna città e nessuna tifoseria lo meriterebbero, ma esiste la legge. Devono insistere tanto proprio sull'inesistenza di un reato acclarato (la giustizia ordinaria non lo ha mai sentenziato) e sull'inesistenza di un illecito perche' PECORARO ha solo interpretato e dedotto, cosa diversa poteva interpretare e dedurre un altro procuratore. Non può la federazione mandare a casa lavoratori e creare danni economici per un PROCESSO ALLE INTENZIONI.

  11. Max rosanero 91 giorni fa

    Sentite. Basta farsi illusioni. Qualcuno che nn è come noi immaginiamo che sia Lotito ma altri VOGLIONO farci fuori.qui nn si tratta di un illecito oppure i 3 anni di falso in bilancio. .poteri forti ci stanno distruggendo. Ad oggi nn sappiamo chi essi siano. .nn ci credo ad una compensazione con la B.ed trovo inutile questi hastag class action o iniziativi di Orlando. Ci hanno già condannati a morte..P.s.al 99% ripartiremo dalla d.con una nuova proprietà. Che poi nn sarà così scontato di tornare in A in 3 anni.

  12. Mic 91 giorni fa

    Ora se il sistema ha consentito iscrizione in presenza per tre anni di una cessione marchio di cui sapevano pure i muri, il sistema deve assumersi la responsabilità del proprio comportamento. LA SOCIETA' PALERMO IN QUESTI ANNI HA PAGATO STIPENDI, INGAGGI, SPESE, ISCRIZIONI, TASSE, ECC. ECC. E HA COMPRATO E VENDUTO GIOCATORI, FATTO CONTRATTI SAPENDO DI PARTECIPARE A DETERMINATI CAMPIONATI. Se il sistema fosse intervenuto prima si sarebbero fatte cose diverse. IN TALE OTTICA VA TENUTO CONTO DELL'INTERESSE DEI NUOVI PROPRIETARI CHE NON POSSONO CONSIDERARE CIO' RISCHIO D'IMPRESA

  13. giuseppe 91 giorni fa

    Tutto questo si poteva evitare se il Palermo fosse stato venduto alla York Capital, la Federazione ha aspettato che avvenisse la vendita, ma quando ha visto che la vendita è stata fatta alla Arkus ha capito che dietro ci fosse ancora Zamparini, a quel punto non ha avuto più nessun ripensamento ha affondato il colpo deciso per castigare Zamparini e anime anche tutti i tifosi e città inclusa, non ci resta che disputare il campionato in C , e se tutto va per il verso giusto passeranno 4 anni prima di vedere il Palermo in A. Siamo rovinati!!!!!!!

  14. Mic 91 giorni fa

    Il processo e' federale ma lo sono stati anche i controlli se tali controlli non sono stati fatti o chi li ha fatti non e' stato capace di farli non si può essere cosi meschini, da parte del PECORARO, da andare a cercare pretesti per sostenere che i controlli sono stati impediti o intralciati o aggirati. E' uno scaricabarile INDEGNO e RIDICOLO. Chiunque faccia un lavoro di esame di bilanci sa bene che certe evidenze NON SFUGGONO (e lo dico da professionista nel campo)

  15. Mic 91 giorni fa

    Vi seguo e ammiro vostro accorato sforzo. Chi nella propria vita ha avuto a che fare con la giustizia sa bene che a volte giusta non e'. Soprattutto quando l'interpretazione prevale sull'evidenza di un divieto. Il caso del Palermo e' un SOPRUSO per via dei modi e dei tempi e per via di una sanzione a dir poco eccessiva. E al di là delle argomentazioni riguardo tutela dei tifosi, che purtroppo poco reggono, ciò che va evidenziato e' che potrebbe fallire un'azienda con dipendenti e indotto per una sanzione per operazione di bilancio interpretata come elusiva ma non specificamente vietata

  16. rosario 91 giorni fa

    Nella lettera che condivido punti e virgole ma non riesco a capire una cosa come mai sono tutti contro il Palermo? Sentenza lunedì la lega di B se ne frega e la rende esecutiva via ai playoff senza il Palermo, la lega A dice che la lega b ha fatto bene richiesta tribunale d'appello che ti resinge il ricorso nel frattempo il consiglio federale si riunisce e prende in esame il playout del foggia di noi non se ne frega nulla anzi Micciche dice che va tutto bene, allora ci rivolgiamo al Coni Frattini che presiede il collegio di garanzia e pure quello ti dice No! Bho tutti con noi ce l'anno.

  17. Hanno passato il limite della decenza 91 giorni fa

    Non serve. È finita, calcisticamente è finita. Chi ha il potere lo sta esercitando nel modo più spregiudicato. E noi ci logoriamo, costretti a guardare senza poter fare nulla. Ci vuole un altro potere più forte per insegnare la civiltà a questi tizi. Il potere non logora chi lo ha, quando chi lo ha lo usa per fare quello che gli pare. Appartenenza colori ... min kiate. Soldi e potere. E libertà di non essere rintracciati da nessuno di quelli che dovrebbero.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *