Lega Pro: due giornate a Milinkovic del Messina e multa al Siracusa




Il Giudice Sportivo della Lega Pro, Pasquale Marino, assistito dal Rappresentante dell'A.I.A. Roberto Calabassi, nella seduta del 5-6 Settembre 2016 ha adottato le deliberazioni che di seguito integralmente si riportano le seguenti squalifiche e ammende per le società: Tre giornate a Danilo Alessandro per "atto di violenza verso un avversario a gioco fermo; il gesto provocava un principio di rissa prontamente sedato". Due giornate di stop invece per Manuel Milinkovic del Messina, Giovanni De Toma della Virtus Francavilla e Elio Calderini dell'Unicusano Fondi. Una giornata infine per Raffaele Gragnaniello del Melfi, Fabio Roselli del Catanzaro, Dario Toninelli del Livorno e Luca Lulli della Sambenedettese. € 2.000,00 CARRARESE CALCIO 1908 SRL perché propri sostenitori durante la gara intonavano cori offensivi verso l'istituzione calcistica; i medesimi per ben tre volte durante la gara rivolgevano all'arbitro frasi offensive. € 1.500,00 JUVE STABIA S.R.L. perché propri sostenitori introducevano e accendevano nel proprio settore alcuni fumogeni che danneggiavano la visibilità costringendo l'arbitro a sospendere la gara per circa due minuti. € 1.500,00 SIRACUSA CALCIO S.R.L. perché propri sostenitori introducevano e facevano esplodere nel proprio settore un petardo di notevole potenza, senza conseguenze. € 1.000,00 MACERATESE S.R.L. perché propri sostenitori in campo avverso introducevano e facevano esplodere nel proprio settore un petardo, senza conseguenze. € 500,00 LECCE SPA perché propri sostenitori introducevano e accendevano nel proprio settore alcuni fumogeni uno dei quali veniva lanciato nel recinto di gioco, senza conseguenze. € 500,00 LUPA ROMA F.C. S.R.L. perché propri tesserati danneggiavano le strutture dello spogliatoio loro riservato (obbligo risarcimento danni, se richiesto).






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *