INTERVISTA

La scelta di Mirri.
Parla Guarnotta

La scelta di Mirri. Parla Guarnotta



 

La scelta di Hera Hora di Mirri e Di Piazza ha fatto sì che il Palermo riparta dai palermitani. Nell'articolo di Benedetto Giardina sul Giornale di Sicilia c'è un'intervista al giudice Guarnotta, ex presidente del Tribunale di Palermo e giudice anche della Figc oltre ad essere un grande tifoso del Palermo.

 

Guarnotta ha raccontato la scelta di affidare la rinascita del Palermo a Mirri e Di Piazza nonostante la concorrenza che si era creata: «Devo ringraziare il sindaco, perché da tifoso mi ha fatto vivere un’esperienza unica. Certo, avrei preferito non viverla, col Palermo in Serie B… siamo stati molto attenti per poter scegliere il meglio. È stato necessario anche l’aiuto di un commercialista per poter valutare nel dettaglio la solidità economica delle sei imprese che hanno presentato una manifestazione di interesse. Anche per questo, crediamo di aver fatto la scelta giusta - ha detto Guarnotta - Società seria e palermitana? Perché su questo eravamo tutti d’accordo: dopo tanti anni, era giusto che il calcio a Palermo tornasse in mano ai palermitani. Quello che ci ha impressionato particolarmente, però, è che loro nella documentazione hanno incluso le copie dei quattro assegni da 250 mila euro l’uno, necessari per il contributo di iscrizione. Abbiamo fatto una constatazione del tutto onesta e corretta: fino alla Serie B, c’è la possibilità che questa società possa continuare a reggere le sorti della squadra. Poi è chiaro che per andare in Serie A serva una consistenza economica maggiore, ma questo inizio è confortante e ci ha indotto a preferirli agli altri».

 

SPERANZA

«Rivedere il Palermo in Serie A? È la speranza non solo mia, ma credo di tutti i tifosi, anche quelli più giovaniC’è stato un momento felice sotto la presidenza Zamparini, in cui il Palermo per tanti anni è riuscito ad imporsi, dando cinque elementi alla nazionale campione del Mondo e arrivando in Coppa Uefa. Ricordo con piacere la vittoria di Londra con la rete di Caracciolo e il punto più alto, quella finale di Coppa Italia persa per la terza volta. Poi però è iniziata la fase calante. I tifosi non meritavano queste umiliazioni, per l’amore mostrato verso questi colori unici al mondo. Andai la prima volta allo stadio a dieci anni, sono rimasto estasiato da Sukru, questo giocatore imponente che segnò direttamente da calcio d’angolo. Ma non solo questo: sono stato uno dei quaranta di Palermo-Chievo del 1997, ho vissuto tutte e tre le finali di Coppa Italia e soprattutto il dramma della retrocessione in C2 sventata solo dalla mancata iscrizione dell’Ischia Isolaverde. Abbiamo appena vissuto la fase più nera e i tifosi sono stati presi in giro, ma ora il Palermo torna ai palermitani». 


IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM


 

ALTRI ARTICOLI

 

Ritiro: il Palermo ha scelto le Madonie

 

 

Entella su Mazzotta, ma il terzino aspetta il Palermo?

 

 

Sorrentino: «Futuro? L’idea è quella di continuare»





14 commenti

  1. Totuccione 28/07/2019

    riscussi i ru liri.....

  2. Maluchiffari 28/07/2019

    L'importanza della piazza, i milioni di tifosi nel mondo, le enormi potenziali del marketing: tante chiacchiere condite da tanto odio e frustrazione per essere costretti al malfattore piuttosto che liberi di volare. Ora gli stessi (che prima sognavano) affermano che allo stato attuale non si è presentato nessuno migliore della Damir. York Capital e gli altri fondi internazionali, i nababbi (quelli veri, oh, mica le simpatiche comparse di Zamparini!) ed altri ricconi della Terra sono tutti spariti.

  3. Maluchiffari 28/07/2019

    La verità è che non conosciamo le proposte e quindi non siamo in grado di confermare il diffuso sospetto la scelta di Mirri sia stata fatta ben prima di ricevere ed aprire le buste. Ciò che è chiaro, invece, è che il sogno di tanti - un Palermo fallito e libero da Zamparini che attraesse primarie realtà mondiali dell'impresa e della finanza - si è rivelato fallace.

  4. Rubini 28/07/2019

    @Ovofitusu. Scusa, Francesco Marcocci de Piperinas, tu 'hai messo soldi tuoi'? Tipo 'azionariato popolare'? Direttamente o tramite un comitato? Muto, Marcocci Curcuma, muto! Suddito della tua inconsistenza, MUTO!

  5. Ovofitusu 28/07/2019

    Beddamatri e Ovosodo, invece di fare i miseri senza pudore, in cerca di padroni per farvi assistere, perché non mettete i vostri soldi, se ne avete? E vi divertite coi vostri soldi. O siete squattrinati? E vi permettete di criticare Mirri e Di Piazza che hanno già ampiamente dimostrato le loro capacità. Senza pudore, sudditi in cerca di assistenzialismo.

  6. Yes 28/07/2019

    Fate i conti senza l oste. L oste si chiamo serie b. Prima di arrivarci ci potrebbero volere anni e anni, e non erto per un problema di soldi. Quando sarà il momento ci penseremo.

  7. Zorro 28/07/2019

    Nessuno di noi può sapere la reale situazione la sa solo il sindaco. Spero che quella del gruppo hera Hora non sia stata una scelta politica, magari accantonando chi potenzialmente poteva portare più in alto il Palermo. Bisogna capire cosa vogliamo :se vogliamo un palermo tipo Perugia Empoli allora va bene così... Se invece vogliamo un palermo tipo Sampdoria Atalanta sinceramente non so se economicamente questo gruppo sarà in grado arrivare a questi obiettivi

  8. beddamatri 28/07/2019

    nessuno mette in dubbio l'onesta di mirri ma qui si parla di capacita economica che è un altra cosa intanto andatevi a leggere le cose prima di dire che altri sono bluff o altro intanto gli arabi in quel fondo hanno un capitale interamente versato di 520 milioni ... se pensi che mirri - di piazza capitale 15milioni versati 3,5 milioni ... e in venditore di abiti cinesi come dici tu caro renato ha aziende nelle maggiori citta del mondo e 1600 dipendenti quindi sta a dire che coi vestiti cinesi come li chiami tu soldi ne guadagna e ne ha.... dici che ci sara la fila x il palermo

  9. Rubini 28/07/2019

    Ma scusa, Francesco Marcocci de Piperinas, non era interessato tutto il Mondo ( il pianeta Terra) al Palermo, in Serie D? Arabi, Cinesi, Americani, Canadesi, che se l’avesse detto Zamparini, sai che pernacchie! Invece, dopo Zamparini, tutti a fare ohhh i cinesi ohhh come i bambini ohhh gli americani ohhhh, gli arabi ohhh. Ora invece il discorso viene rimandato alla serie B? Ci sarà la fila? Bene, bene, buono a sapersi, finché c'è vita c’è speranza.

  10. Aggregazione galattica lame rotanti 28/07/2019

    Noi palermitani preferiamo l'ascensore tra C e D a quello tra A e B. Siamo fatti così e per questo non ci piacciono gli imprenditori del continente.

  11. Renato Marcocci 28/07/2019

    Dite a questi tifosi da serie A fasulla con retrocessione programmata, che al bando non se presentato nessuno se non uno uguale a zamparini, arabi inesistenti, e un gruppo che vende abbigliamento accatta e vinni cinese. Mirri era l'unico serio. Ppo vi ricordo che siamo in D per la lega pro e la B, con un palermo senza debiti e pronto ai diritti tv della A ci sarà la fila per prenderlo. Quindi se siete strisciati o cacanesi camuffati smettetela la logica è questa.

  12. Francesco 70 28/07/2019

    Ovosodo,tra quelli che hanno partecipato al bando,fammi capire chi sarebbero quelli con i soldi che non sono stati scelti?Gli Arabi?Sono un bluff,nessuno li conosce.Ferrero?È un pagliaccio che ha fiutato l'affare,a Genova i tifosi doriani non lo vedeno bene.Forse quelli della Alcott,ma come fatturato sono molto vicini a Mirri e Di Piazza.A questo punto,la parola chiave è attendere,vedremo cosa sapranno fare....

  13. Ovosodo 28/07/2019

    Il punto che molti non capiscono che nonostante il sig. MIRRI sia una persona perbene e un grande tifoso assieme a Di Piazza può ambire a metà classifica in lega pro il resto sono chiacchiere. Quindi perché non dare il Palermo subito a chi le capacità economiche le aveva?

  14. beddamatri 28/07/2019

    esattamente cio che ho scritto a caldo della decisione mirri nn ha la capacita economica e nn parlo di buonafede xche è un grandissimo tifoso del palermo ma in B servono i soldi quindi o ricominceranno a cercare a chi vendere il palermo oppure stavolta ce ne facciamo 40 di anni tra serie c e serie d

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *