DI DAVIDE D'AVENIA

LA «DOMINAZIONE» FRIULANA

LA «DOMINAZIONE» FRIULANA



 

Palermo e la Sicilia intera sono figlie di dominazioni che nel corso dei secoli si sono susseguite, puntellando anche il carattere di chi ci vive. Palermo è l’esempio perfetto dell’integrazione di culture diverse, con l’arabo-normanno massima espressione a livello mondiale. Capitale del mediterraneo, ma abituata per secoli ad adattarsi ai cambiamenti, per sopravvivere, pur mantenendo sempre il suo carattere. Sedici anni di “dominazione friulana” fatta di alti, molto alti, e bassi, molto bassi. Come con i Normanni per Palermo, il periodo di massimo splendore per il Palermo è coinciso con i primi anni della “dominazione friulana”.

 

“Dominazione” (è bene ricordare l’importanza delle virgolette in questo caso, non avendo alcuna accezione negativa ma solo funzione di metafora) che ancora una volta ha messo in risalto le caratteristiche dei palermitani, che prima hanno accolto lo “straniero”, per poi disamorarsi a poco a poco fino a volerlo cacciare via. Perché però aspettare sempre che ci sia il salvatore della patria? Cosa limita una terra fatta di genio, di arte, di bellezza e di meraviglia, a fare da sola senza che arrivi qualcuno da fuori a “salvarci”. Forse non abbiamo bisogno di essere salvati, abbiamo bisogno di salvarci da soli. E i quasi 30.000 del Barbera in occasione della gara con il Brescia sono un bel segnale in questo senso, con la speranza che non siano affievoliti da un soffio di vento, da un cross svirgolato, o da qualche, eventuale, punto di penalizzazione.

 

Perché Palermo, così come il Palermo, rimane qui, anche se le dominazioni passano. Fenici, greci, arabi, normanni, svevi, francesi, spagnoli e...friulani. Chi sarà il prossimo? E chiunque dovesse essere, forse Palermo dovrebbe ricordarsi quanto vale indipendentemente da chi sarà, per l’ennesima volta, a salvarla.

 

di Davide D'Avenia


IMMAGINE  CLICCA QUI! SIAMO SU INSTAGRAM

 

ALTRI ARTICOLI

 
 

• Foschi-Mirri: i motivi per cui è saltato l'accordo

 

• Palermo, salta la trattativa con Mirri. La nota della Damir

 

• Accardi: «Gruppo importante pronto a rilevare il Palermo»

 

• Palermo, quella sublime corrispondenza di amorosi sensi

 

• Orlando: «Massimo sostegno perché non si ripeta il 1986»






3 commenti

  1. Verità 28 giorni fa

    Società unica caramelle... lei confonde e mistifica. Palermo ha sempre subito imposizioni, altro che apertura. Dominazioni, colonizzazioni, imposizioni, venute da fuori, a causa dell'incapacità di auto gestirsi, e l'indole di assistiti. Non ha mai scelto nulla. Non si racconti queste menzogne per auto consolarsi.

  2. Società Unica Caramelle Amenta 28 giorni fa

    Se il DNA di Palermo è questo perchè cambiarlo? Palermo è la città di Santa Rosalia ma è anche la città del genio, genius loci il simbolo laico di Palermo, dell'integrazione e dell'apertura, già da molti secoli. A me sta bene così. Bisogna vivere fino in fondo, tutto. Lo splendore e la miseria. Solo così possiamo comprendere noi stessi e il mondo che ci circonda. Peccato che molti palermitani non lo capiscono. Peccato che gli stolti abbiano voluto creare due partiti: gli zampariniani e gli anti. Sbagliato. Esiste un vissuto da vivere insieme. Il popolo rosanero è uno. Guardiamo avanti.

  3. Aggregazione galattica lame rotanti 28 giorni fa

    Infatti! Basterebbe che quei 20.000 (non 30.000, s'intende) investissero ciascuno 3.000 euro nel Palermo Calcio. È così difficile in una città economicamente così florida?

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *