La differenza tra l'acqua e le bombe - Forza Palermo Calcio Giornale

La differenza
tra l'acqua e le bombe

La differenza tra l'acqua e le bombe

Una quantità mostruosa di petardi. I controlli al Barbera fanno acqua. Anzi, no. Perché proprio sulle bottigliette di acqua ci siamo soffermati tante volte, sollecitati da tanti tifosi che ci segnalano sempre lo stesso problema. Perché se all'ingresso dello stadio ti trovano con una bottiglia di plastica te la fanno posare. E se gli proponi di lasciargli il tappo, cioè se disinneschi l'ipotetica arma, non sentono lo stesso ragioni. Eh sì, l'acqua può essere pericolosa.
E' chiaro che i petardi, grandi quanto un accendino, sono difficili da trovare ed è pure impensabile che si possano perquisire ventimila persona da testa a piedi (i fumogeni, invece, sono più grandi). Queste sono le attenuanti per chi gestisce l'ordine pubblico.
La verità, però, è che in un modo o nell'altro bisogna trovare la maniera di non far entrare l'arsenale allo stadio. Perché lo stadio non è un campo di battaglia e neppure un poligono. Erano stati annunciati controlli straordinari, perché il periodo è complicato, l'Europa trema per gli attentati. La risposta non è stata adeguata.






1 commento

  1. marco 11/04/2016

    Tante volte io ho dovuto posare l'ombrello o romperlo, nonostante la pioggia battente. Per l'acqua ormai ho perso le speranze. Ieri ho svuotato le tasche perchè suonava il metal detector. Le misure ci sono ma ci sono anche gli espedienti, basta nascondere i petardi qualche ora prima ad esempio, qualcuno ha cercato in giro per lo stadio ? Per quanto riguarda gli stuart un po li capisco, non sono forze dell'ordine, se minacciati devono cedere. E' questa la nostra società, non c'è niente da fare.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *