IL PUNTO

La B è alle porte: candidate
alla A e possibili sorprese

La B è alle porte: candidate alla A e possibili sorprese



Mancano due settimane all'inizio del campionato di Serie B, una competizione conosciuta per la sua difficoltà e per la sua lunghezza; quarantadue giornate con annessi play-off e play-out. Ventidue squadre che si daranno battaglia per la promozione e per evitare di retrocedere. Il Palermo, a detta dei suoi dirigenti, lotterà per un pronto ritorno in Serie A. I rosanero possono contare sulla base della squadra dello scorso anno con qualche inserimento di qualità come Coronado, Gnahoré e Rolando. Tutto questo basterà? Il Palermo potrà dire la sua, ma si devono considerare le avversarie. Da molto tempo la Serie B non era così ricca di grandi piazze e, soprattutto, di squadre ambiziose. 

 

La serie cadetta, oltre a Palermo, avrà come nuove protagoniste piazze come Venezia, Foggia, Cremona, Empoli, Parma e Pescara. Ma chi lotterà per la promozione diretta? Difficile saperlo, ma con le indicazioni che ha dato il mercato si possono temere squadre come Frosinone, che ha sfiorato l'anno scorso la promozione nella semifinale play-off, e che si è rinforzata con acquisti mirati, su tutti Camillo Ciano. Attenzione anche al Carpi, compagine che naviga sempre nella parti alte della classifica e che ha puntellato la rosa con qualche innesto di qualità, ma il cambio dell'allenatore può far perdere qualche punto agli emiliani, soprattutto all'inizio. 

 

Fra le neo promosse da tenere d'occhio la Cremonese su tutte, tanti acquisti di qualità ed esperienza come Arini, Croce, Almici, Mokulu, Claiton e Renzetti; la ciliegina sulla torta potrebbe essere uno fra Cacia e Paulinho, quest'ultimo seguito anche dal Palermo (vedi qui). Tanta curiosità, invece, per il Foggia di Stroppa e il Venezia di Pippo Inzaghi, che hanno vinto i rispettivi gironi di Lega Pro e si apprestano ad iniziare il campionato con grande entusiasmo ed ambizione. Discorso simile per il Parma, ma gli emiliani possono vantare una squadra più esperta e completa in tutti i reparti. L'attacco, tutto palermitano, formato da Calaiò e Di Gaudio garantice velocità e fiuto del gol. Negli altri reparti gli emiliani potranno contare su giocatori come Insigne, Barillà, Scaglia, Scozzarella, Gagliolo, Dezi e Siligardi. Una rosa di primissimo livello allestita dall'ex dirigente rosanero Daniele Faggiano

 

Fra le altre squadre si sono mosse bene lo Spezia, il Perugia, la Ternana, il Cittadella, la Pro Vercelli e l'Entella (vedi qui), che possono essere le rivelazioni di questo campionato. Il Cittadella ha già dimostrato, in Tim Cup, di avere un team compatto rifilando un 3-0 al Bologna. Una rosa che può mettere in difficoltà tutte le altre compagini con un gruppo che si conosce bene ed un allenatore, Venturato, che fa giocare quasi a memoria le sue squadre. Un'altra squadra che potrebbe puntare alla promozione sarà il Bari. I pugliesi possono contare su una rosa costruita per salire in A con tanti giocatori d'esperienza,ad esempio Brienza, Cassani, Greco e Galano.

 

A rischio retrocessione, invece, squadre come Avellino e Ascoli, che hanno rischiato già l'anno scorso e non si sono rinforzate più di tanto. Possibili sorprese negative anche il Novara e il Brescia, che faticano ad ingranare nonostante abbiano complessivamente una buona compagine. Incognite, invece, formazioni come il Pescara di Zeman e il Cesena che puntano su tanti giovani e che hanno perso parecchi tasselli nel corso della campagna acquisti. Ma il mercato non è finito e ancora possono esserci diverse sorprese e le previsioni possono essere anche ribaltate. Si inizia il 25 agosto con l'anticipo fra Parma e Cremonese.






15 commenti

  1. Paolo 15/08/2017

    In trasferta ci prenderanno a legnate, in campi caldi ci vuole personalità e esperienza

  2. Siracusarosanero 15/08/2017

    @fulippo sono daccordo con te. Chissà quanto ci faremo in b

  3. Nutello 15/08/2017

    Abbiamo una squadra che, piaccia o non piaccia, in "questa B" è la squadra da b*****e. Cosa che sarà molto difficile fare. Poi, ognuno può mettersi sugli occhi quante bistecche alla fiorentina vuole e sostenere anche che il Crotone vincerà lo scudetto.

  4. fulippo 15/08/2017

    Scusate Andelkovic non andava bene per il Palermo e andiamo a prendere bellusci che non si sa cosa stia a fare in campo.Vogliamo parlare di struna, morganella, jajalo,chicche, nestorowsky, traikovsky. Ma che cavolo di squadra abbiamo?

  5. fulippo 15/08/2017

    Al Max questa squadra è da play out

  6. Forte comu l'acìtu 15/08/2017

    Si è più forte di Parma e Frosinone come l'anno scorso era più forte del Crotone, del Cagliari, del Bologna, dell'Atalanta, del Chievo etc.

  7. Anarchico 15/08/2017

    Per me malgrado tutto, il Palermo è più forte di Parma e Frosinone.

  8. Solorosa 15/08/2017

    Ma non possiamo sempre parlare del friulano! E' vero che è difficile parlare di calcio in questi casi, ma ripetere sempre le stesse cose su zamparini un pò stanca. Ci sono siti dove si parla solo di lui! C'è gente che si è ammalata appresso all'uomo di Aiello del Friuli. Aspettiamo che la finanza faccia il suo dovere, ma intanto per quest'anno mi sa che non cambierá nulla. E sto Palermo se non arriva una punta seria e un valido centrocampista al massimo farà i playoff.

  9. Francesco 15/08/2017

    Parlare di calcio a Palermo è diventato impossibile.Dopo che in questi anni siamo diventati un supermercato ambulante senza rispetto per tifosi e risultati sportivi. Società di calcio gestita in maniera illogica con squadre fatte per i soli interessi del padre padrone. Non è più il Palermo ma "cosa sua." Se vogliamo fare un analisi della situazione l'orizzonte è buio.Pieni di debiti. Ambiente totalmente indifferente che aspetta solo la cessione o il fallimento.Il resto protesta. In una situazione simile altro che serie A. E la squadra è da centro classifica.

  10. Nutello 15/08/2017

    Sì, il Parma è tra le favorite del torneo. D'altro canto è evidente la volontà "compensatoria" del Palazzo. Senza aiuti, il Parma in B non sarebbe. Ricordiamoci che al Pordenone non sono stati assegnati ben tre rigori più che evidenti (uno di essi avrebbe anche comportato l'espulsione del giocatore ducale). Sì, occorre tener conto anche dei fattori esterni al campo quando si parla di favorite.

  11. Vitogol 15/08/2017

    Squadre come Parma, Bari e Frosinone hanno scelto in modo opposto al Palermo: squadre piene di italiani e di giocatori di categoria. Nel Palermo, a parte Struna e Bellusci, non ci sono giocatori che conoscono la B. Io prevedo Parma e Frosinone in A e tante difficoltà per il Palermo.

  12. Nutello 15/08/2017

    L'augurio che il friulano si decida a vendere è conditio sine qua non si possa tornare a livelli accettabili. Non tanto in B dove sarà cmq molto difficile b*****e questa squadra (cmq più brava a limitare il gioco degli altri che a imporre il suo), ma per un eventuale ritorno in A. Col friulano non ci sarebbe futuro, con altri, probabilmente sì, vista l'importanza della piazza.

  13. Alex Drastico 15/08/2017

    Pensate pure a questa squadretta mercatino che giocherà in uno stadio con pochi intimi con assenza totale di tifo e con l'incubo depressione da mancanza di risultati dietro l'angolo . A mio modo di vedere a Palermo non vedremo più il calcio dei primi 9 anni del friulano perché ormai è troppo incasinato con vari problemi legati alla giustizia,per cui auguriamoci tutti che vada via al più presto

  14. Claudio P. 15/08/2017

    La differenza la fanno entusiasmo, esperienza nel gestire le partite dure, compattezza di gruppo, imprevedibilità del gioco. Noi abbiamo una squadra molto "fisica", inesperta, un gioco in costruzione, un gruppo impaurito, un attacco prevedibile. Tutte sto limiti possono essere superati in corso d opera. Il campionato è molto lungo e permette recuperi in corsa. Anche per me le neopromosse più Frosinone e una sorpresa sono il lotto delle contendenti

  15. Anarchico 15/08/2017

    Il Parma con di gaudio, scozzarella e calaio' è uno squadrone , mentre il Palermo con Rispoli, nestoroski e alesami è un incognita?? Ma siete fusi? Parlare del Foggia di stroppa, ma che organico ha? Perinetti ha preso andjelkovic e ha fatto capire di avere preso Bonucci. Per me i più forti siamo noi

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *