La B allontana gli investitori. Baccaglini al lavoro negli USA

La retrocessione quasi certa dà più d'un grattacapo al neo presidente.

La B allontana gli investitori. Baccaglini al lavoro negli USA

Ancora una settimana di attesa, poi il Palermo potrebbe avere una nuova proprietà.

 

Il 30 aprile è la data segnata in rosso sulle agende di Maurizio Zamparini e Paul Baccaglini: in quel giorno, il 100% delle azioni del Palermo Calcio dovrebbero passare nelle mani della nuova società, YW&F Global Limited, di cui il trader italoamericano sarà rappresentante. Società di cui non disponiamo alcuna informazione, se non la denominazione. Non sappiamo dove sia stata registrata ed è da escludere, al momento, l’ipotesi Londra: nel registro delle imprese del Regno Unito non compare ancora alcuna YW&F Global Limited.

 

Dovrebbe chiudersi così l’era Zamparini, cominciata nel luglio del 2002 e sul viale del tramonto dopo 15 anni di parecchie gioie ed inguaribili ferite.

 

La trattativa procede, ed anche il secondo ed ultimo appuntamento dovrebbe quindi essere rispettato senza rinvii.

 

Ma, secondo indiscrezioni raccolte dalla nostra redazione, sembrerebbe che la quasi certa retrocessione dei rosa abbia dato più d’un grattacapo a Baccaglini, con alcuni investitori che potrebbero essersi tirati indietro.

È quindi ipotizzabile che la partenza di Baccaglini in direzione States, dove tuttora si trova il presidente, abbia l’obiettivo di riattrarre i capitali in fuga.