A SIRACUSA

Frode sulle mascherine
Indagata Irene Pivetti

Frode sulle mascherine, indagata Irene Pivetti



 

Irene Pivetti è stata iscritta nel registro degli indagati a Siracusa.

L'ex presidente della Camera è accusata dalla procura di frode in commercio, perché - scrive La Repubblica - ha importato mascherine modello Ffp2 "dotate di una falsa certificazione di conformità da parte della Icr Polska Co.Ltd", per poi rivenderle a distributori su tutto il territorio nazionale nonostante l'Inail, con un provvedimento del direttore centrale del 16 aprile, le avesse imposto il divieto di metterle sul mercato.

 

Le mascherine sarebbero pericolose per chi le indossa. Irene Pivetti è indagata anche per l'illecito amministrativo per aver smerciato "dispositivi di protezione di terza categoria - si legge nel decreto di perquisizione disposto dal pm Salvatore Grillo - non conformi ai requisiti essenziali di sicurezza".

 

Anche la procura di Savona sta lavorando sulle mascherine importate dalla Only Logistics: ha disposto il sequestro di 170.000 pezzi, alcuni dei quali ancora stoccati in un deposito nel Terminal 2 di Malpensa.

Gli inquirenti sono al lavoro per capire se sono le stesse acquistate dalla Protezione Civile a metà marzo, con due contratti firmati con la Only Logistics: 15 milioni di mascherine cinesi per 30 milioni di euro.

 

"Non è chiaro - si legge - se lo Stato le abbia già pagate: il contratto prevede l'esborso del 60 per cento dell'importo alla firma e del restante 40 per cento al momento dell'arrivo in Italia".


 

ALTRI ARTICOLI

 

DIETROFRONT CONTE, DAL 10 MAGGIO TORNANO LE MESSE IN CHIESA

 

DA BERGAMO: "PRIMA DENIGRAVO PALERMO, VI CHIEDO SCUSA"

 

BERGAMASCO SI SVEGLIA DAL COMA A PALERMO: "MI TATUO LA SICILIA"

 

CONTE ANNUNCIA LA FASE 2, LE NOVITA' DAL 4 MAGGIO

 

MUSUMECI: "SONO DELUSO, MOLTO DELUSO DA CONTE"

 

FORZAPALERMO.IT LIVE - TALK - CON MARA SAVIANO DI ROSANERO UNNEGGHIE'






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *