Il Palermo alza il muro: adesso non si segna più - Forza Palermo Calcio Giornale
NUMERI DA A

Il Palermo alza il muro:
adesso non si segna più

Il Palermo alza il muro: adesso non si segna più



Il Palermo torna a vincere in casa contro la Ternana dopo circa un mese e mezzo, non capitava da Palermo - Virtus Entella del 28 ottobre. Poi la batosta subita dal Cittadella e il pareggio a reti inviolate contro il Venezia. Nel frattempo la squadra di Tedino ha costruito il primato in classifica in trasferta vincendo a Cremona, ad Avellino e a Bari.

 

Aleesami: «Dobbiamo continuare a vincere. Stiamo bene»

 

Ma il primato dei rosanero è dovuto anche e soprattutto ad una ritrovata difesa di ferro, tornata la migliore della Serie B dopo l'ultima giornata. Zero gol subiti nelle ultime tre partite, uno nelle ultime quattro. Numeri da serie A quelli della retroguardia di Tedino, il quale ha saputo individuare in Cionek, Struna e Bellusci la combinazione perfetta per contrastare gli attacchi avversari. Forza e copertura sono le caratteristiche principali dei tre difensori che ogni tanto si lasciano scappare qualche disattenzione, ma che riescono quasi sempre a porre rimedio. Anche i ricambi, però, non sono da meno: Szyminski e Dawidowicz quando sono stati chiamati in causa hanno garantito la stessa solidità dei titolari. 

 

La forza della difesa del Palermo sta nel concedere poco agli avversari. Se si pensa alle ultime quattro partite le occasioni che hanno avuto gli avversari si contano sulle dita di una mano. La vera prova di forza è stata fatta a Bari contro una squadra arrembante e con tanta qualità in avanti che, soprattutto in casa, si esalta. Eppure i pugliesi hanno effettuato un solo tiro in porta con Brienza in tutta la partita. Tedino ha dato aiuto ai tre difensori con la copertura di Jajalo e con le scalate degli esterni creando una vera e propria fortezza davanti a Posavec. 

 

Il Palermo vince ed imbocca l'autostrada della fuga

 

Non solo la difesa è migliorata, se il Palermo è tornato primo è anche grazie a una maggiore efficacia offensiva, adesso la squadra rosanero segna di più. All'inizio Tedino aveva dato sostanza, ma l'attacco non brillava. Questo consentiva di portare a casa tanti pareggi. Adesso, con o senza Nestorovski, il Palermo sembra essersi sbloccato, soprattutto in trasferta. Nove i gol nelle ultime tre partite giocate lontano dal "Barbera", praticamente tre in ogni partita. Da Rispoli a Coronado, fino alle mezzali, segnano tutti e, soprattutto, si creano molte più occasioni da gol. Il Palermo di Tedino continua a stupire dopo lo scetticismo di questa estate e continua la sua crescita per arrivare alla destinazione prefissata: la Serie A.






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *