I piani del Palermo. Parla Sagramola - Forza Palermo Calcio Giornale
PRESENTAZIONE

I piani del Palermo
Parla Sagramola

I piani del Palermo. Parla Sagramola



 

Per quanto riguarda la parte della gestione del club la palla passa a Rinaldo Sagramola che, nella conferenza stampa di presentazione del nuovo Palermo, ha mostrato i piani della società per affrontare al meglio il prossimo campionato di Serie D.

 

Ecco le parole di Sagramola: 

«Sono più emozionato di loro perché non mi aspettavo questo ritorno. Svolgerò il mio compito con tanta responsabilità, soprattutto per rispetto di chi ha fatto questo passo importante di avvicinarsi e investire nel calcio. Per fare questo stiamo cercando di allestire una squadra di collaboratori per dare un contributo importante. Per questo presento Paparesta che è stato artefice del binomio tra Mirri e Di Piazza - ha confessato Sagramola - Lui si occuperà del rapporto con le istituzioni e dei media. L'area tecnica sarà affidata a Renzo Castagnini. La conduzione tecnica a Rosario Pergolizzi. Il settore giovanile affidato a Rosario Argento, uno che antepone la passione agli Interessi. Rinaudo invece sarà il direttore sportivo del settore giovanile. Sui calciatori ci stiamo lavorando. Abbiamo voluto attendere tutte le formalità burocratiche per dare il là alla presentazione e tutto. Un saluto affettuoso e le preoccupazioni legittime per chi per tanti anni ha lavorato dietro le quinte per una società  e sono stati i colpevoli protagonisti di una vicenda incresciosa. Abbiamo assunto l'impegno di rivolgere lo sguardo all'interno del gruppo che si è diffuso per serietà e professionalità nel vecchio Palermo. Altro ringraziamento al dottor Daniele Mirri».

 

INVESTIMENTI

«ll business plan prevede un investimento di 15 milioni in tre anni. 1.5 per la D e 6 - 6,5 per la C. Girone? Non abbiamo chiesto nessuna preferenza per il girone, anche perché sono molto fatalista. Mi aspetto di fare parte del girone regionale. Ritiro? Sarà a Petralia Sottana fino al 23, poi in città ci alleneremo al Cus perché la zona più attrezzata. I competitor del bando? Non sono abituato a polemizzare con nessuno. Continuino pure a parlare. Le scelte tecniche? Abbiamo fatto queste scelte tecniche perché sono persone serie e competenti. Obiettivo costruire un settore giovanile a modo mio, conosco bene questo aspetto. Hanno risposto con grande entusiasmo, persone che conosco fidate e serie. Potranno commettere errori ma in buona fede».

 

DIPENDENTI

«Domani c'è incontro con una società sindacale. Ma oggi sono ancora dipendenti del vecchio Palermo. Domani ci sarà il primo confronto. Se i calciatori andranno nelle scuole settimanalmente? Sicuramente sì. È nel progetto avere un rapporto con i più giovani».

 

MERCATO

«La squadra va composta, solo 10 saranno gli Under. Gli altri 15 saranno gente da usato sicuro, proprio perché sappiamo che dobbiamo vincere. Potranno essere calciatori di categoria o qualcuno che per passione potrebbe scegliere di venire a giocare qui».

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *