CENTRAVANTI A CONFRONTO

I bomber della B a caccia del
gol più importante: la Serie A

I bomber della B a caccia del gol più importante: la Serie A



La Serie A è una questione di...attaccanti. Sono proprio loro che decidono le sorti di una partita con i gol fatti o "mangiati". Nella Serie B di quest'anno di punte forti ce ne sono e le squadre che si giocano i tre posti per la promozione possono contare su un parco offensivo di assoluto valore. 

 

EMPOLI - La squadra di Andreazzoli ha fatto dell'attacco il suo miglior reparto con uno strepitoso Ciccio Caputo, capocannoniere del campionato con 22 gol. Un grande investimento estivo dell'ultimo momento dell'Empoli che è stato ripagato. Da adesso, però, sarà solo, perché Donnarumma è infortunato e rientrerà fra due settimane, mentre Rodriguez ha terminato la stagione dopo l'infortunio di Foggia. Ma Andreazzoli non ha di cosa preoccuparsi finché ci sarà Caputo al centro dell'attacco.

 

Rajkovic: «La sconfitta di Parma brucia per come è arrivata»

 

FROSINONE - Un infortunio ben più pesante è quello di Daniel Ciofani, che ha terminato la stagione in anticipo (possibili speranze ci sono di recuperarlo in caso di playoff). Moreno Longo si dovrà affidare a Dionisi con i suoi 6 gol e all'inventiva di Ciano, anche se i due sono stati discontinui nel corso della stagione. Citro sostituirà Ciofani: l'ex Trapani non ha fatto male, ma la differenza tra i due c'è e si potrebbe notare nella volata finale.

 

PALERMO - Il bomber è Ilja Nestorovski con 13 gol, ma di recente Tedino ha trovato anche Nino La Gumina, tre gol in tre partite prima del recupero contro il Parma. Il tecnico rosanero li farà giocare insieme per tentare il sorprasso al Frosinone. Ma la stella è Igor Coronado. Tutti e tre in attacco potrebbero fare la differenza con la classe degna della massima serie. Il parco attaccanti si completa con Moreo, Trajkovski e Balogh, ma non hanno ancora dimostrato di essere all'altezza dei titolari.

 

PARMA - Tanti attaccanti per D'Aversa, ma il più importante è Emanuele Calaiò con i suoi 13 gol alla veneranda età di 36 anni. Con il recupero di Ceravolo, l'attaccante palermitano sembrava dovesse finire in panchina, ma il tecnico sa che la Serie A passa dai suoi gol e lo sta gestendo nel migliore dei modi. 

 

Il Palermo prova a rialzarsi col calendario e gli attaccanti

 

PERUGIA - Tra Cerri e Di Carmine, Breda ha l'imbarazzo della scelta, ma l'ex obiettivo del Palermo sta davvero incidendo con i suoi 13 gol riportando gli umbri al quarto posto dopo una fase centrale di campionato disastrosa. 

 

BARI - Tanti attaccanti anche per Fabio Grosso, ma adesso è il momento di Nené con 3 gol nel periodo recente. Cissé è quello che ha avuto più continuità, ma Grosso ha bisogno anche dei migliori Galano e Improta per potere ambire alla promozione diretta.  






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *