SERIE A

Gravina: Sabato si gioca, ma
bisogna far rispettare le regole

Gravina: «Sabato si gioca, ma bisogna far rispettare le regole»



 

Gli incidenti fuori dallo stadio San Siro prima di Inter-Napoli (che ha causato la morte di un tifoso interista) e gli ululati nei confronti di Koulibaly hanno rischiato di far sospendere la diciannovesima giornata di Serie A. Ma, ai microfoni di Sky Sport 24, il presidente della Figc Gravina ha annunciato che il campionato andrà avanti:

 

«Dobbiamo dare una risposta tangibile a chi pensa che attraverso alcuni comportamenti si possa alterare il nostro mondo. Questa è una risposta netta e forte. Non lo possiamo più permettere. Sabato si gioca, ma da oggi, si dovrà parlare una sola lingua. La lingua delle regole del sistema federale calcistico italiano».


LEGGI

«Servono soluzioni radicali, sto pensando a sospensione Serie A»


RAZZISMO

«La norma è chiara. L’arbitro in questo momento non può sospendere la gara; l’unico soggetto che può sospendere è il responsabile della sicurezza e dell’ordine pubblico. Ritengo che un incontro con il ministero dell’Interno per capire se si può rendere più facile ed efficace l’applicazione di questa norma sia doveroso. I club? Devono essere aiutati, ma devono essere anche parte attiva in questo processo».

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *