BALLOTTAGGIO

Gnahorè e Murawski si
giocano il posto a centrocampo

Gnahorè e Murawski si giocano il posto a centrocampo



Lunedì sera andrà di scena il match del "Renzo Barbera" fra il Palermo e il Foggia per il posticipo della venticinquesima giornata di Serie B e Bruno Tedino sembra intenzionato a cambiare qualcosa rispetto alla partita di Empoli, specialmente a centrocampo. 

 

Igor Coronado potrebbe tornare a fare il trequartista dietro Ilja Nestorovski, così resterebbe da coprire un posto a centrocampo accanto a Jajalo e Chochev. A giocarsi il posto ci sono Radoslaw Murawski ed Eddy Gnahorè; quest'ultimo viene dalle ottimi prestazioni nelle ultime due partite. I due sono protagonisti in positivo della stagione rosanero, entrambi nuovi acquisti in estate si sono ambientati in fretta e hanno contribuito ai successi della squadra rosanero.

 

Torna Rispoli e i rosa provano a rialzare la testa

 

I due centrocampisti sono stati protagonisti anche nella partita di andata, Gnahorè servì l'assist per il gol da fuori area di Murawski, il suo secondo gol stagionale. Uno in più ne ha segnato il francese che si è fatto notare maggiormente rispetto a Murawski in fase di realizzazione, il polacco ha caratteristiche diverse, più difensive. Tedino potrebbe concedere spazio a entrambi facendo una staffetta a gara in corso. Domani in conferenza stampa il tecnico potrebbe chiarire chi dei due scenderà in campo dall'inizio. Se si deve tenere conto delle ultime partite e della condizione fisica allora dovrebbe spuntarla il francese, determinante nelle ultime partite, ma Murawski gode della stima del patron, cosa non da poco e che potrebbe condizionare la scelta dell'allenatore. 

 

La partita di lunedì sera potrebbe rappresentare una svolta a livello tattico per il resto del campionato, se le cose dovessero andare bene: lo spostamento in attacco di Coronado e l'impiego di uno di questi due centrocampisti tanto fisici quanto tecnici. A farne le spese dovrebbe essere Alexandar Trajkovski, il macedone ha faticato nel trovare l'intesa con Nestorovski. Il brasiliano potrebbe dare più fantasia, ma se questa mossa sarà la scelta giusta lo deciderà, come sempre, il campo. 






6 commenti

  1. Gnazio 10/02/2018

    Niente paragoni coi catanesi. Loro sono diversi. Io sono orgoglioso di non essere come loro. I colori sono i colori, nulla da dire. Ma nessuno dice che quello che ha fatto zamparini in 5 anni metterebbe a dura prova la tifoseria più devota del mondo. Noi ce lo scordiamo, ma se vediamo il film degli ultimi 5 anni arrizzanu i cainni. Zamparini non potrà mai più potrá ricucire questo strappo. Catanesi servi di Puvvirendi e di lo monaco, un farabutto che zamparini ha fatto entrare in casa nostra! Stiamo scherzando?

  2. Claudio P. 10/02/2018

    Ci sarebbe una via di mezzo. Andare chi vuole, che quei vuoti sono deprimenti, nonostante tutto e senza negare il tutto

  3. Paolo 10/02/2018

    A catania hanno senso d'appartenenza, se ne fottono del presidente, sostengono i propri colori.

  4. Lello 10/02/2018

    A catania non hanno dignità e si venderebbero le madri per risalire, a palermo siamo di un'altra pasta, gente con le palle.

  5. Paolo 10/02/2018

    A catania sono in serie C per colpa del loro presidente pulvirenti eppure hanno 10 mila spettatori a partita.

  6. noitifosidelpalermo.jimdo.com 10/02/2018

    Gnahorè merita di giocare sempre titolare, fuori Trajkovski e spostiamo coronado avanti vicino Nestorovski.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *