INTERVISTA

Giammarva: «Zamparini persona
perbene. I conti sono al sicuro»

Giammarva: «Zamparini persona perbene. I conti sono al sicuro»



 

L'ex presidente del Palermo Giovanni Giammarva è tornato a parlare e lo ha fatto al Giornale di Sicilia dopo le dimissioni dello scorso 8 agosto. Giammarva ha chiarito il motivo della separazione e si è soffermato sul suo rapporto con Zamparini:

 

MOTIVAZIONI

«Stare lontano dalla società e dalla tifoseria mi ha creato un grande dispiacere - ha detto Giammarva -. Così come allontanarmi da Zamparini, una persona buona e generosa. Mi ha reso felice, invece, l’affetto della gente. Avrei potuto e voluto dare di più ma non mi è stato concesso. Il motivo del mio addio? Lo scontro deriva da una diversa cultura e formazione aziendale. Se mi si affida la responsabilità di dirigere un’azienda, questa deve rispondere alle mie direttive. Il mancato rispetto di questo principio mi ha spinto a prendere quella decisione».


LEGGI: 

→ «Cessione? Sono alla fase finale Voglio andare via dal Palermo»

→ Perinetti: «Il Palermo è una squadra forte. Su Tedino...»


ZAMPARINI

«Una persona perbene. Non lo conoscevo, ma l’ho potuto constatare in questi mesi. Ha cercato di conciliare questa situazione dicendomi che non gradiva le dimissioni e che avrebbe voluto ricreare il rapporto con la direttrice amministrativa ma non ho più ravvisato i presupposti». L'ex presidente rosanero tiene ancora ai bilanci della società e dichiara che non c'è alcun tipo di problema: «Comunque ho lasciato una società con i conti più al sicuro di prima».





8 commenti

  1. Il Moro 10/09/2018

    Caro Giammarva da tifoso e nostalgico di ritornare allo stadio le dico che se lo poteva risparmiare questo aiuto tecnico al friulano, ma ovviamente il tutto le è stato remunerato bene dall'ovvio stipendio che percepito.FELICE PER LE SUE DIMISSIONI! MI PERDONI dott Giammarva una riflessione.Lo scontro deriva da una diversa cultura e formazione aziendale. Se mi si affida la responsabilità di dirigere un’azienda, questa deve rispondere alle mie direttive.?! Dottore quindi lei mi vuole far credere che era convinto di fare veramente il presidente e non essere un dipendente uno yes man?....amen

  2. Il Moro 10/09/2018

    Concordo in pieno il pensiero di aquilerosanero... Forse Giammarva ha fatto paradossalmente più danno che altro non lasciando morire una azienda che è sull'orlo del baratro in tutti i sensi. Meglio morire e rinascere (vedi Parma) che continuare questa lenta agonia....

  3. orfano di balogh 10/09/2018

    passerai alla storia Giammarva......è convinto quanto il patron...sei a Livello di Barbera

  4. Beddamatri 10/09/2018

    @ AquilaRosanero, lo so, scrivo che ci vuole un interprete, o un editore, per mettere ordine alle idee che voglio esprimere, altrimenti non si capisce niente. Ma sono troppo intelligente, e ne so più di un dottore, di uno scrittore e di un pefessore messi insieme.

  5. AquilaRosanero 10/09/2018

    In sintesi, non si può far peggio dei Presidenti degli anni 80 anche se zampamagna ci sta tentando con tutte le forze.

  6. AquilaRosanero 10/09/2018

    Beddamatri e tu mi pare che sei un po staccato dalla realtà e vivi di ricordi (giustamente) nefasti. Il calcio è parecchio cambiato dall'avvento degli introiti delle tv a pagamento. L'era dei Ferrara e Polizzi è morta e sepolta e poi non si può far peggio di questo attuale indegno presidente.

  7. beddamatri 10/09/2018

    nn so quanti anni tu abbia aquilarosanero ma mi sa che sei troppo giovane e mi dispiace dirti che nn sai cio che dici ti voglio informare che l'ultima nostra rinascita come dici te dopo un fallimento e quella volta un presidente palermitano un certo ferrara si era venduto anche i chiodi dei muri senza mai mettere una lira ci è costato 32 anni di serie c2 c1 e qualche anno di serie B se nn era x zamparini potevamo stare pure tutta la vita in c2 con 1000 spettatori x partita ... è che zamparini vi ha abituati troppo bene

  8. AquilaRosanero 10/09/2018

    E i conti in classifica? Di quelli non gliene fotte più a nessuno da diversi anni. Sapete solo f*****e denaro vero e poi attuppare pirtusi con denaro virtuale (contabilità creativa). Forse Giammarva ha fatto paradossalmente più danno che altro non lasciando morire una azienda che è sull'orlo del baratro in tutti i sensi. Meglio morire e rinascere (vedi Parma) che continuare questa lenta agonia.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *