L'EX PRESIDENTE

Giammarva: «Frosinone?
I palloni li videro tutti»

Giammarva: «Frosinone? I palloni li videro tutti»



Intervistato da Il Giornale di Sicilia, l'ex presidente del Palermo Giovanni Giammarva ha parlato della sciagurata sfida al Frosinone della finale play-off del 2018, quella famosa partita dello Stirpe coi palloni lanciati in campo.


"Non si è mai capito perché siano nati i problemi del Palermo. E' stato tirato fuori un problema di deficit patrimoniale, puntando il dito s/

    /la cessione di Mepal, quando diverse società anche ai massimi livelli hanno compiuto operazioni di cessione del marchio. In quel periodo il Palermo non è fallito e durante la mia gestione sono rientrati circa 20 milioni sui 40 attesi da Alyssa, come previsto quando questa operazione fu fatta. Se il Palermo fosse andato in A sarebbe cambiato anche il futuro, con introiti televisivi tra i 60 e i 90 milioni. Il disastro, poi, si sarebbe potuto evitare anche in B, con la situazione che si stava evolvendo positivamente".


    SUI PALLONI IN CAMPO:
    "La cosa più brutta è che è passato il messaggio che si possano adoperare scorciatoie per arrivare al successo. Un bruttissimo esempio per tutti. L'unico verdetto della giustizia sportiva in cui si riconosceva l'antisportività non portò a n/

      /la per la questione della cristallizzazione. La finale? Il Frosinone vinse con tutta una serie di escamotage di basso profilo, i palloni in campo li videro tutti così come il rigore prima fischiato e poi trasformato in punizione. Ricordo pure l'accoglienza, diciamo così, del pubblico quando salutai i nostri tifosi: tutti a darmi del mafioso senza sapere nemmeno chi fossi. L'unico signore è stato Stirpe".





1 commento

  1. Blackmamba 23 giorni fa

    Ci vuole coraggio....come l'albanese che garantiva per i Truffolomondo.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *