PRESIDENTE LEGA PRO

Palermo, barriere stadio e derby
siciliani: parla Ghirelli

Palermo, barriere stadio e derby siciliani: parla Ghirelli



Parla Francesco Ghirelli.

Il presidente della Lega Pro, intervistato dal Giornale di Sicilia, ha parlato del nuovo regolamento per le liste giocatori nonché del ritorno dei derby siciliani, del Palermo e della rimozione delle barriere dello stadio Renzo Barbera: 


LEGGI ANCHE:

 

ANDREA SARANITI, IL NUOVO ATTACCANTE DEL PALERMO

 

CHI È NICOLA VALENTE, IL NUOVO ACQUISTO DEL PALERMO


 

«Cosa cambia con la lista a 22? Non molto. Abbiamo ritenuto di accelerare il percorso di valorizzazione dei giovani calciatori per arrivare con più credibilità al tavolo della riforma del calcio italiano. Noi siamo il calcio che forma i giovani talenti. Inoltre abbiamo chiesto risorse al governo per reggere il post Covid-19, per farlo dobbiamo essere credibili. La media delle rose nella stagione 2019/20 era di 25 calciatori professionisti a squadra, ma ne sono stati utilizzati effettivamente solo 21,75, gli altri vengono utilizzati nell’intero campionato per pochi minuti. Il costo è di 11 milioni. Noi sperperiamo denari e poi chiediamo 21 milioni per la cassa integrazione, chiediamo per noi e per le leghe di pallavolo e basket 90 milioni di euro per il credito di imposta, chiediamo di dilazionare le rateizzazioni del fisco e dei tributi. Se vogliamo essere credibili, dobbiamo ridurre i costi. Giocatori in prestito rientrano nella lista a 22? Le due liste sono connesse. Nella prossima stagione potranno essere utilizzati 22 professionisti oltre ad un 2001 contrattualizzato. Qualora vi fossero professionisti in prestito dovranno essere inseriti in entrambe le liste. Naturalmente sarà libero l’utilizzo dei giovani di serie».

 

PALERMO E SICILIA

«Ritorno dei derby siciliani? Un’enorme importanza per la valorizzazione della Serie C. Non voglio esagerare, però non c’è questa tipologia di partite nelle serie superiori. La C è veramente il cuore del calcio italiano. La Sicilia avrà i riflettori accesi nei derby. Il presidente Mirri lo conosco da molto tempo. Prima della pandemia con lui, il sindaco Orlando, il questore Cortese, ci siamo incontrati a Palermo per discutere di stadio e dell’abbattimento delle barriere. Il Palermo ha una grande dirigenza. Sagramola, lo conosco da tantissimi anni, ha un curriculum di grande rilievo».







Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *