TRATTATIVA

GDS-Palermo, tre tappe
per il closing

GDS- Palermo, tre tappe per il closing



 

"Palermo, tre tappe per il closing". Con questo titolo il Giornale di Sicilia apre una delle sue pagine sportive.

 

Sia l'advisor Belli che Maurizio Zamparini hanno un unico obiettivo: chiudere entro fine mese la pratica che porterà alla cessione del Palermo.

Come ricorda anche il quotidiano, Maurizio Zamparini resterà consulente in ambito sportivo e, comunque, rimane patron fino alla "firma definitiva".

 

Quest'ultima è però soltanto «la penultima tappa in tutta una vicenda dai contorni ancora poco chiari. Perché è stata annunciata la cessione del club, ma non si sa ancora a chi passeranno le quote e in che data è stato fissato il closing. Da un lato ci sono accordi di riservatezza, dall'altro c'è la necessità di trovare un punto comune per l'incontro finale, quello che suggellerà la vendita del Palermo e l'avvio di una nuova fase, sempre che si possa definire tale».


LEGGI:

UN FRULLATINO


Se l'obiettivo è davvero quello di arrivare a venerdì prossimo con un nuovo proprietario, allora il primo passo dovrà compiersi a brevissimo.

 

«Le ultime questioni interne al gruppo internazionale con base a Londra vanno risolte e in fretta, siano esse di carattere informativo, dato che una società quotata in Borsa (quale sembra essere l'acquirente del Palermo, stando alle dichiarazioni di Zamparini) è obbligata a fornire determinate notizie agli organi di vigilanza prima di procedere con operazioni finanziarie quali l'acquisizione di quote di altri soggetti».

 

Dunque, i rappresentanti del gruppo che hanno confermato l'acquisizione del 100% delle azioni dovranno rendere note le modalità all'organo di controllo per le società quotate in borsa.

 

Dopodiché, bisognerà solo cercare una data per il fatidico closing. Il passaggio definitivo avverrà nel momento in cui ci saranno le firme sull'atto notarile.

A quel punto saranno i nuovi proprietari a comunicare ufficialmente il buon esito dell'operazione ai loro azionisti, e dunque saranno loro ad uscire allo scoperto.

 

Il Giornale di Sicilia pone però un quesito: «Ma se, per un qualsivoglia motivo, il Palermo e Zamparini non rendessero noto tramite comunicato il nome dell'acquirente? Ecco dunque che arriva la terza e ultima tappa, quella che dovrà svelare per forza chi avrà in mano le sorti del club rosanero: le norme federali prevedono che chi acquista più del 10% delle azioni di una società professionistica debba soddisfare i requisiti di solidità finanziaria e di onorabilità, quest'ultima legata chiaramente al nome della persona che rappresenterà il gruppo acquirente».






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *