LE PAROLE DI GIOVANNI GARDINI

Gardini: «Non vogliamo dare
illusioni. Obiettivo stabilità»

Gardini: «Non vogliamo dare illusioni. Obiettivo stabilità»



Parola a Giovanni Gardini.


Il direttore generale del Palermo è intervenuto durante la conferenza di presentazione del nuovo tecnico Eugenio Corini, parlando della scelta dell'ex bandiera rosanero nonché degli obiettivi per la stagione che sta per iniziare: 


“Siamo molto soddisfatti di aver portato Corini a Palermo perché pensiamo sia un allenatore di spessore, l’ho conosciuto di persona e ne ho apprezzato le qualità umane e personali che fanno la base della scelta che abbiamo operato. Poi viene l’aspetto dell’allenatore, ritengo sia l’ideale per il nostro percorso che vogliamo fare per un periodo non assolutamente breve, questo trova anche la motivazione per cui ci siamo presi qualche giorno in più per scegliere. Abbiamo optato non per la scelta più veloce ma per la migliore possibile, abbiamo scelto nel rispetto di questo meraviglioso pubblico e per questa meravigliosa città. Esserci concessi 3-4 giorni in più non va ad inficiare nel progetto di medio termine. Il nostro obiettivo per questa stagione è creare una situazione di stabilità sportiva, mantenere la categoria per puntare sempre più in alto premettendo che non priveremo a nessuno la volontà di sognare. Non vogliamo creare illusioni che non possiamo mantenere, siamo una neopromossa e stiamo partendo dalle basi societarie e questo ha bisogno di tempo. Vogliamo mettere il nostro tempo a disposizione della città ma non abbiamo alcun tipo di fretta. Dobbiamo dare il giusto tempo alla società e all’allenatore, non sarà una partita a modificare il nostro percorso e il nostro modo di pensare”. 


IL NUOVO DS
“Ci siamo trovati sbigottiti della decisione di Baldini e Castagnini, non eravamo assolutamente preparati a dover cercare un allenatore e un direttore sportivo. Abbiamo dato priorità alla scelta dell’allenatore, poi avendo la fortuna di avere all’interno Rinaudo e il supporto di Zavagno anche in questo caso non abbiamo fretta, sceglieremo con calma e grande attenzione il profilo per il prossimo direttore sportivo”. 


LA SCELTA DEL TECNICO
 “Per come si intende il calcio di oggi ovvero un’azienda messa a servizio della parte sportiva la scelta dell’allenatore è troppo importante. Bisogna capire se umanamente è la persona giusta per come vediamo noi il calcio, se conosce il territorio e se i giocatori presenti in rosa possono essere valorizzati al meglio. Bisogna vedere che atteggiamento ha nei confronti della città, della stampa e di tutti coloro che sono attorno alla società. L’importante è operare nel modo migliore, in un percorso pluriennale non sono i giorni la cosa più importante. Si doveva capire chi potesse essere la scelta migliore sia come allenatore che come persona, Corini conosce il territorio e vorremmo che diventasse una bandiera non solo come calciatore ma anche come allenatore. Esprimo comunque un profondo ringraziamento a Di Benedetto per il lavoro svolto in queste settimane, ci teniamo a fargli i complimenti e a ringraziarlo pubblicamente”.





11 commenti

  1. Oleg 52 giorni fa

    Accendi un CEO a santa osalia pe fati guaie

  2. Agg Egazione Galattica Lame Otanti 53 giorni fa

    Il candidato alla funzione di CEO del noto Museo delle Ingiurie, tal Oleg, esterna così: ‘‘Ma vai a cagae piito abbuttato''.

  3. Oleg 54 giorni fa

    Ma vai a cagae piito abbuttato

  4. Agg Egazione Galattica Lame Otanti 55 giorni fa

    Il candidato alla funzione di CEO del noto Museo delle Ingiurie, tal Oleg, esterna così: ‘‘sopattutto questo aggegazione che semba un veo distubato mentale‘‘.

  5. leo junior 55 giorni fa

    forse abbiamo trovato il gruppo o il fondo sbagliato che ridere!!! l'hai trovato tu? E sei deluso che l'arabo non ti fa divertire. Magari volevi pure un kebab in omaggio ai tornelli quando entravi a tariffa ridotta si intende.... ma itivi a chiuiri o scuru però

  6. Oleg 55 giorni fa

    Queste vicende dimostrano solamente che i tifosi del Palermo non meritano nessuna squadra nemmeno in terza categoria e che il defunto zamparini è colui che ha rovinato il Palermo. Per colpa sua siete qui a sparare idiozie senza senso, soprattutto questo aggregazione che sembra un vero disturbato mentale. Credo che al netto di tutte queste stupidaggini che sparate, il CG regalerà un futuro a questa squadra che i palermitani non si sognano nemmeno e che tuttavia non meritano

  7. Rosanero 56 giorni fa

    Inkia fino a due anni fa giocavamo con il Paternò e adesso che c'è un programma che prevede assestamento e poi promozione, state li a rompere le p@lle. Ma pensate che questi spendono per vegetare in B? Adesso capisco perché Baldini se ne andato, si sono scontrati i suoi proclami di A e follia, contro programmazione e umiltà. Ci vuole pazienza, il campionato deve ancora iniziare.

  8. Agg Egazione Galattica Lame Otanti 56 giorni fa

    Anche queste ultime vicende dimostrano, se ce ne fosse davvero bisogno, come Maurizio Zamparini sia stato e sia destinato a rimanere il miglior Presidente della storia rosanero, con distanza siderale dagli altri.

  9. Oleg 56 giorni fa

    La vera vergogna sono questi commenti. Nè zamparini, né Mirri né CG. Palermo non merita il calcio. Altro che 5^ Città d'Italia! Ma de che ? Di munnizza forse, dietro a catania, messina, Siracusa, e lamezia terme

  10. Stefano. M 56 giorni fa

    Certo un Gardini che dice non creiamo illusioni che non possiamo mantenere mi fa da pensare che forse abbiamo trovato il gruppo o il fondo sbagliato Mi auguro di sbagliarmi

  11. Massimiliano La bua 57 giorni fa

    Ma che siete venuti a fare nella quinta città d'italia. Siete vergognosi.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *