CIRCOLARE

Fase 2, cosa si può fare in
Sicilia. La Regione chiarisce

Fase 2, cosa si può fare in Sicilia. La Regione chiarisce



 

Tramite una circolare, la Protezione civile regionale ha fornito ulteriori chiarimenti sul decreto firmato dal governatore Nello Musumeci che ha dato il via alla "fase 2" dell'epidemia da coronavirus in Sicilia.

 

Sui trasporti e sui rientri c'è già stata una riapertura per far tornare in Sicilia i fuorisede, con un aumento delle corse dei traghetti sullo Stretto (da oggi sono 8) e un aumento dei voli Roma-Palermo (da 2 a 4). La circolare chiarisce che gli stessi fuorisede, una volta tornati nell'Isola, alla fine della quarantena e una volta sottoposti a tamponi, potranno tornare nelle altre regioni, ovviamente sempre per i motivi elencati nel Dpcm del Governo Conte (salute, lavoro, necessità urgenti).

 

SCATTA LA FASE 2

 

• FASE 2: SCARICA IL NUOVO MODULO DI AUTOCERTIFICAZIONE

 

 AL VIA LA FASE 2, LE NUOVE MISURE: COSA CAMBIA

 

• CORONAVIRUS, QUANTI PASSEGGERI IN AUTO? IL GOVERNO RISPONDE

 

• AUTOCERTIFICAZIONE, QUANTI DRAMMI: IL GOVERNO CHIARISCE

 

Chiarita anche la questione sulle "seconde case": una volta trasferiti, ci si può spostare anche da lì per lavoro e altre urgenze. Inoltre, nei giorni feriali si potranno raggiungere queste abitazioni al fine di compiere "opere di manutenzione".

 

Inoltre, ci si potrà recare in un altro comune anche per acquistare generi di prima necessità, pure alimentari. In sostanza si potrà uscire dal proprio territorio comunale per fare la spesa. Sono consentiti i traslochi, gli addestramenti cinofili all'aperto, ok alla pesca sportiva e alla manutenzione dei natanti anche fuori dal proprio comune, nei mercati all'aperto (e nelle aree comunali) si posso vendere soltanto alimentari.


 

• SERIE A A PALERMO, DA IPOTESI A POSSIBILITÀ

 

• BOSCAGLIA A FP.IT: «PALERMO? HO UN SOLO PENSIERO»

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *