FASE 2

Mobilità tra regioni, Boccia
frena: «Dipenderà dai dati»

Mobilità tra regioni, Boccia frena: «Dipenderà dai dati»



La “fase 2” ha allentato le restrizioni anti-covid19 e ha permesso maggiori spostamenti.

 

Tra le domande più frequenti, anche quello sugli spostamenti tra regioni. Mentre alcuni Governatori pensano di aprire alle altre regioni dal primo giugno, il Ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia frena:


LEGGI ANCHE


SPIAGGE, RIAPERTURA REGOLAMENTATA CON PRENOTAZIONE

CALCIO, IL GOVERNO LIMITA I RICORSI IN CASO DI STOP

RISTORANTI, ECCO IL VADEMECUM PER LA RIAPERTURA


 

«Dipenderà dai dati del monitoraggio delle singole regioni che a partire da giovedì vedremo ogni settimana e saranno sempre pubblici. Due regioni a basso rischio, a maggior ragione se limitrofe, sarà naturale che potranno avere mobilità interregionale. Ma se una regione è ad alto rischio e una a basso rischio ci saranno inevitabili limitazioni automatiche. Questo meccanismo non è stato ancora definito perché è il più complesso e andrà deciso insieme».

 

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *