INTERVISTA

aggiano, Sicilia nel cuore:
«Il Palermo deve stare in A»

Faggiano, Sicilia nel cuore: «Il Palermo deve stare in A»



 

Twitter SIAMO SU TWITTER

FACEBOOK SIAMO SU FACEBOOK

 

 

 

Daniele Faggiano ha intrapreso una carriera che adesso è in ascesa. Le esperienze di Trapani e Palermo gli sono servite per crescere e adesso col Parma sta facendo grandi cose. Ma lui è rimasto legato alla Sicilia tanto da parlarne così nell'intervista a Repubblica di oggi:

 

«Non mi sento mai fuori dalla Sicilia, se non geograficamente: ne faccio parte con grande passione. Detto questo, non mi pare che ci siano dubbi sul fatto che si tratta di un momento non felice. Il calcio siciliano deve sicuramente tornare ad esprimere squadre di maggior rilievo - ha detto Faggiano - In tutta la Sicilia, c’è un solo club che ha un centro sportivo come si deve, per una società di alto livello: il Catania. In Sicilia occidentale, ad esempio, non esiste una società che abbia una struttura del genere. È arrivato il momento che si parta dalla base: non si può improvvisare».


LEGGI ANCHE - UN ANNO FA RACCONTAVAMO L'INIZIO DELLA FINE


 

LE SQUADRE

«Parlare del Palermo è semplice: è ovvio che la città meriti di stare in cima al calcio italiano. La speranza è che l’anno prossimo si trovi già almeno in serie C. Trapani e il Trapani per me sono un’emozione: sento di far parte della città. A volte, guardo il risultato della formazione granata anche mentre gioca il Parma. Questo la dice lunga su come io sia rimasto legato alla gente di questa città, di cui conosco bene la passione».


ALTRI ARTICOLI

 

MESSINA, AVERE 100 ANNI E METTERE K.O. IL CORONAVIRUS (VIDEO)

 

LA PROPOSTA SHOCK: FERMARE IL CALCIO FINO AL 2021

 

RIPRESA ALLENAMENTI: LA NOTA DELL'AIC

 

SERIE C, DUE GIRONI E SEMIPROFESSIONISMO

 

LND: UN MILIONE DI CALCIATORI IN ATTESA DEL VERDETTO FINALE

 






5 commenti

  1. chi non salta è zamparini 77 giorni fa

    ancora, e di seguito al mio precedente post: 'soprattutto in questi giorni nei quali il Palermo ha cambiato allenatore e ne ha ingaggiato un altro'. L'allenatore era De zerbi ecco cosa dice: dopo che è stato licenziato pur con una clausola anti esonero di ben 500.000 euro giustamente pretesa con gli interessi (1, 3 mln) poi dall'allenatore: “A Palermo non avevo voce sul mercato, c’era un’aria pesante E lei si augura la A nel XXII secolo dopo che il suo idolo ci ha fatto sopportare tutto questo? Si vergogni il 'Maestro' Tabula Rasa

  2. Bugia 78 giorni fa

    ... grazie al suo padrone friulano..

  3. chi non salta è zamparini 78 giorni fa

    Riporto un articolo di repubblica all'indomani delle dimissioni di Faggiano, apprezzatissimo a Parma. 'Zamparini non è tipo che coinvolga molto i suoi collaboratori e Faggiano ha svolto un ruolo marginale soprattutto in questi giorni nei quali il Palermo ha cambiato allenatore e ne ha ingaggiato un altro'. Ecco il suo idolo che sbranava tutti e lei ha il coraggio di fiatare, si vergogni

  4. chi non salta è zamparini 78 giorni fa

    Ecco, di nuovo, il nostro odiatore seriale. Con la stessa identica odiosa corbelleria da odiatore. Si vergogni! Augurare alla squadra della sua città il ventiduesimo secolo per andare in serie A con la complicità di un dramma di portata mondiale come l'emergenza sanitaria del Coronavirus dice tutto quello che è lei. Non basterebbero tutti gli epiteti che meriterebbe. Lei è semplicemente inqualificabile. Tutto per la stizza contro chi detesta legittimamente zamparini. Si vergogni, si vergogni, si vergogni

  5. Aggregazione galattica lame rotanti 81 giorni fa

    Basta semplicemente attendere il Secolo XXII e il sogno si avvererà!

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *