CESSIONE

Ennesimo countdown dicembre:
non si accettano più teatrini

Ennesimo countdown dicembre: non si accettano più teatrini



Un giro lungo, lunghissimo, quasi infinito. Tra foto con sorrisi soddisfatti e penne in pugno, dichiarazioni d’amore fraterno, complicità in bella mostra e tutti gli aspetti dolci e d’intesa che possono venire a galla da una trattativa. Caratteristiche che alimentavano, giorno dopo giorno, l’ottimismo di tanti palermitani rosanero - non gli illusi, ma quelli che ci sperano davvero - che a sentire le belle parole dei protagonisti si fiondavano frettolosamente in argomentazioni futuristiche: dove va fatto il nuovo stadio, come va pensato il nuovo centro sportivo, che squadra allestire con i nuovi soldi. Quasi sempre con il new language del business - che è già una supercazzola - importato a Palermo in quei quattro mesi.

E alla fine branding, overlapping, merchandising eccetera eccetera sono rimaste parole affascinanti (?) e di “nuovo” non s’è visto proprio niente. Soltanto la frenesia dell’annuncio.

Nuntio vobis gaudium magnum: è quasi fatta, ci siamo quasi, siamo quasi ai dettagli.

E come in tutte le precedenti euforie per “l’acquirente, quello giusto”, non è cambiato niente.

 

VIDEO - ZAMPARINI SUL CASO NAZIONALI: ORA MI PREOCCUPA MENO, MA...

 

Adesso si ricomincia. C’è la data. Anzi, il riferimento temporale: a dicembre (abbiamo attivato un countdown, l'ennesimo, che terminerà il 15 dicembre) il proprietario del Palermo, Maurizio Zamparini, cederà la società rosanero a Frank Cascio.

E la ruota riprende a girare. Non è un deja vu, nessun cortocircuito cerebrale.

Si riparte dall’annuncio, a cui probabilmente seguiranno silenzi e frasi fatte, concetti astratti, riservatezze su riservatezze, colpi di scena, millemila “quasi”, e ancora silenzi e frasi fatte e così via.

Oppure no?

Certamente non potranno deciderlo i tifosi del Palermo, già feriti dalle speranze troncate nel luglio scorso, diffidenti come l’innamorato che tanto è stato sedotto per poi essere abbandonato. Non è più accettabile il siparietto montato e smontato in primavera. Non è più sostenibile il mistero prolungato. Serve chiarezza nell’immediato, non solo nei progetti futuri, che sono e restano idee senza firme e trasferimenti di denaro.

 

ZAMPARINI A PALERMO: «A DICEMBRE CEDO A CASCIO»

 

Se l’annuncio dell’ex presidente Zamparini sia stato frettoloso, lo scopriremo con tutta probabilità già nelle prossime ore. Cascio e i suoi soci, che finora hanno mantenuto il massimo riserbo sui tempi della trattativa, dovranno fare un passo avanti e spiegare le parole del patron rosanero.

Non è auspicabile - ma da mettere in preventivo - un silenzio prolungato: la pietra è stata lanciata e qualcuno dovrà raccoglierla.

Ci sono anche i dettagli: piano quinquiennale, 100 milioni, “mica 10-20” (ogni riferimento è puramente casuale) e un ruolo da consulente per il patron.

 

Sarà realtà o sfrenato ottimismo? Intanto, chi paga le conseguenze dell’attesa è la tifoseria e, di riflesso, la squadra che chiede sostegno.

Per qualcuno, i più arrabbiati, il cambio in società rappresenta una vera liberazione: la Sicilia è sempre là; gli americani, questa volta, arriveranno?

 






18 commenti

  1. Todo72 20/10/2017

    Ma un ci siddia

  2. siracusarosanero 20/10/2017

    100mln???? secondo me chi la compra è matto suonato!! una società che se si e no varrà poco meno della metà e gli devi pure baciare il c u l o ......

  3. Blackmamba 20/10/2017

    Dichiarazione di Zamparini:" A dicembre cederò la società a Cascio, ci saranno 100 milioni di investimenti in cinque anni e io sarò consulente" TRADUZIONE: "Palernitani terzo mondo, non vi libererete di me, vi piglio per il cu.... guardandovi in faccia, cretini, ignoranti, stupidi, creduloni e più malleabili del PONGO." Non credo che esista in europa un soggetto che si sarebbe potuto permettere tutto questo, e una piazza come quella di Palermo che glielo avrebbe permesso.

  4. antiZampaForever 20/10/2017

    Solo uno e SOLTANO UNO può togliere il Presidente, ma è così impegnato in altre faccende che non ha tempo per farlo....anche perchè comincerebbe a rompere pure da quelle parti ! :) God help us!

  5. MarcelloLn (L'unico) 20/10/2017

    Io voglio che rimanga il mio padre ZampaPuparo :) solo gratitudine al nostro unico Presidente

  6. Anarchico 20/10/2017

    Bello che commentate pure ste c***o..ste. Il 23 viene cascio, x evitare che i giornalisti rompano i co..ni con le domande sulla trattativa, lui gioca d'anticipo x rasserenare gli animi facendo finta che la trattativa sia a buon punto.. una vergogna inaccettabile. Non c'è altro da aggiungere

  7. Maxtararosanero 20/10/2017

    Non 10-20 milioni, ma ben CENTO MILIONI da spalmare in 5 anni! Ogni riferimento è puramente casuale...Ma che poeta della bella epoque! Numeri sparati a casaccio. Solo un cretino potrebbe acquistare il Palermo a 100 e soltanto un cretino potrebbe crederci.

  8. Fabio 20/10/2017

    Dicembre di quale anno? Non specifico l'anno come fece con con il closing.

  9. Marc 20/10/2017

    Palermo campione che bella città

  10. Tifoso vero 20/10/2017

    Che siamo di fronte all'ennesima palla lo prova che rimarrebbe come consulente. Ora io compro una società investendo 100 milioni e prendo il consulente che ha causato questo disastro? Centinaia di milioni tra diritti TV e plusvalenze ed è pieno di debiti con la squadra in serie B. Certo uno così bravo va preso come consulente,non va lasciato scappare. Ma siamo seri per favore!! E voi che ancora riportate le fesserie che spara giornalmente

  11. Nik Bannato 20/10/2017

    Mi sa che l'80% dei nik è stato bannato. Complimenti così iddi sa cantanu e iddi sa suonanu.

  12. Dario 20/10/2017

    Che presidente indegno.

  13. Matteo 20/10/2017

    A febbraio, quando il calciomercato sarà chiuso, tutte le trattative saranno saltate e non avremo comprato nessuno. Film già visto.

  14. palermoxs 20/10/2017

    purtroppo non credo piu' a quest'uomo... ma comunque vada... SEMPRE FORZA PALERMO!!

  15. GO YANKEE 20/10/2017

    A febbraio cederà ai cinesi.

  16. Cessy One 20/10/2017

    A dicembre cede a Cascio a gennaio a Baccaglini chissà chi cederà a febbraio.

  17. Volfango 20/10/2017

    No, teatrini basta. Basta! Ci bastano i teatrini che si leggono spassosamente in questo sito. Chi si occupa di cose serie, e il Palermo e la passione popolare lo sono, si astenga da ulteriori teatrini. Teatrini basta!

  18. Claudio P. 20/10/2017

    O si accettano o non si accettano i teatrini non cambia molto, mi pare.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *