PALERMO FEMMINILE

Diana Coco a FP.it: «Vogliamo
salvarci. Ce lo meritiamo»

Diana Coco a FP.it: «Vogliamo salvarci. Ce lo meritiamo»



Prova a ritrovare le energie il Palermo Femminile dopo un avvio di stagione certamente complicato. La squadra di Licciardi è in fondo alla classifica (a -4 dalla salvezza) e ha chiuso il suo 2021 con una pesante sconfitta al “Pasqualino” contro il Como capolista.

 

 

Delle difficoltà della squadra rosanero ne abbiamo a lungo parlato con Diana Coco. L’attaccante rosanero non trova però scusanti per spiegare la prestazione contro il Como: “Sapevamo di giocare contro la prima in classifica e non avevamo dubbi che sarebbe stata difficile. Ma ce la siamo giocata male, sicuramente non al nostro meglio. Non ci aspettavamo questa debacle abbiamo commesso diversi errori. Abbiamo fatto meglio nel secondo tempo, ma nel primo ci hanno frastornato, non siamo state all’altezza e non siamo state capaci di darci una mano l’un l’altra per evitare il 6-0”.

 

 

 

MANCANZA DI ESPERIENZA

Un’altra spiegazione alle difficoltà del Palermo Femminile in questa Serie B è invece da addebitare alla mancanza di esperienza: “Avevamo già subito un 5-0 contro il Tavagnacco, ma era la nostra terza partita e poteva starci quel punteggio perché non eravamo ancora abituate a questo tipo di campionato”.

 

 

La squadra soffre parecchio le ripartenze avversarie: “Sappiamo che a difendere per prime siamo noi attaccanti, ma considera pure che abbiamo una squadra molto giovane. Gioca da noi titolare una classe 2005 e abbiamo bisogno tutte di fare esperienze. Certo, abbiamo preso molti gol in ripartenze sbagliando forse il modo di affrontare diverse squadre. Con il Como abbiamo sbagliato esattamente in questo, visto che avevamo una difesa troppo alta”.

 

 

RIALZARSI SUBITO

L’obiettivo del Palermo Femminile è però quello di rialzarsi subito, anche contro le grandi del campionato: “In questo campionato, si è visto spesso che le squadre di bassa classifica sono riuscite a strappare punti con quelle al vertice. Anche noi stavamo vincendo a Bari e abbiamo subito la rimonta soltanto alla fine”.

 

 

Ma la rimonta incassata dalla Sassari Torres, diretta concorrente alla salvezza, sembra avere lasciato il segno nelle calciatrici rosanero: “La sconfitta contro la Torres è stata dura, anche perché non siamo poi riuscite a dare una svolta. Il vento contro ci ha condizionato nel secondo tempo, ma dispiace perché abbiamo commesso gravi disattenzioni. Anche contro San Marino eravamo passate in vantaggio e stavamo giocando molto bene; la partita era in bilico, potevamo vincerla entrambe ma l’abbiamo persa”.

 

 

LA STAGIONE DI COCO: DALL’INFORTUNIO ALL’ASSIST CONTRO IL CESENA

Diana Coco ci racconta anche la sua stagione personale, a partire dall’infortunio di inizio campionato: “Sono stata fuori per la prima parte di stagione, sono rientrata con il Chievo e ho avuto poi una piccola ricaduta contro il Cittadella”.

 

 

Rientrata in campo, Coco ha contribuito finora con 2 assist, tra cui lo splendido cross che ha regalato la vittoria contro il Cesena: “In quella circostanza, ho avuto l’occasione di alzare la testa e vedere Cusmà al centro dell’area. Quella è stata una bella partita, fatta di cuore e di grinta. Lì avevamo capito di potercela fare contro tutte quante”. A frenare il Palermo sono però state spesso le rimonte subite: “Da qualche gara segniamo noi all’inizio, la sblocchiamo ma veniamo poi riprese. Non riusciamo spesso a giocare bene entrambi i tempi ed è una cosa che dobbiamo migliorare”.

 

 

UN TUFFO NEL PASSATO: I GOL NEL DERBY…CONTRO IL PALERMO

Infine, Coco fa qualche passo indietro e ci racconta il suo percorso, dalle giovanili ai primi gol nel derby di Sicilia: “Quand’ero più piccola giocavo con i ragazzi, per poi fare cominciare a giocare all’interno di squadre femminili. A 14 anni sono andata a giocare con il Catania, dove ho fatto il mio primo campionato di Serie C, che abbiamo vinto: siamo andate in Serie B e posso dire di essermi presa le mie soddisfazioni. Ho anche fatto qualche gol nel derby alla vecchia Ludos, infatti quando sono venuta a Palermo coach Licciardi mi ha preso un po’ in giro perché le segnavo sempre”.

 

 

OBIETTIVO SALVEZZA

Tornando al presente, l’obiettivo nella testa di Coco è però chiarissimo: “Spero adesso che in meno di un mese, con la sosta, possa resettarsi tutto. Dobbiamo farlo se vogliamo salvarci e fare comunque un campionato dignitoso, perché ce lo meritiamo”. Si riparte giorno 9 gennaio dalla difficile trasferta contro il Ravenna Women: il Palermo Femminile vuole riscrivere la storia del suo campionato.





Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *