EX ROSA

Diana: «Palermo, ecco come puoi
essere protagonista in Serie C»

Diana: «Palermo, ecco come puoi essere protagonista in Serie C»



Il Palermo, ufficializzato il cambio di denominazione in Palermo Fc, si prepara alla prossima stagione di Serie C che vuole giocare da protagonista.

 

Ma come può la squadra rosanero essere protagonista in Lega Pro? La Gazzetta dello Sport lo ha chiesto ad un grande ex Palermo molto esperto di Serie C: Aimo Diana.

 

Di seguito le sue dichiarazioni:

«Se il girone sud è più difficile di quello nord? È complicato. Sicuramente il girone C è il più tosto di tutti, perché ci sono piazze calde e appassionate. A ogni trasferta giochi con 15-20 mila persone come Catanzaro, Bari, Catania. Però, io credo nel valore di una rosa - ha detto alla Gazzetta- . Se la squadra è forte, è forte. Vedi Reggina e Bari che quest’anno hanno fatto un campionato a parte. Però, non c’è nessuna strada spianata anche se investi molto. Il Bari, ad esempio, ancora ha i playoff, ma lo stop pandemia ha inciso».

 

CONSIGLI

«Non conosco per bene il progetto del Palermo, però non credo che questo ambiente si accontenti di fare un campionato da comprimario. In primis serve una rosa di valore. L’ago della bilancia potrebbe spostarlo la promozione o meno del Bari in B».

 

 ALLENATORE

«Ci sono piazze e piazze e Palermo richiede un allenatore gestore con idee molto chiare su giocatori da prendere e che accetti la sfida di dover solo vincere. Poi, però, la differenza la fanno i calciatori. Se hai quelli forti, vinci. Ci sono società che puntano sui giovani, ma serve chi conosce la categoria».

 

NOMI

 «Non penso che debba consigliare altri allenatori o suggerire di scegliere me. Io credo che i dirigenti sappiano cosa fare, Sagramola e Castagnini non hanno bisogno di consigli. E sanno benissimo chi sono io, non è mia abitudine autocandidarmi, ho la mia storia e le mie forze -continua Diana-. Poi un giorno, chissà cosa può succedere, magari la mia strada si incrocerà di nuovo con quella di Palermo. Quel che è certo è che ho grandi ambizioni per la mia carriera da allenatore».

 

LA ROSA

«Pelagotti, Lancini, Crivello e Martinelli? Questi sono tutti giocatori che, se hanno fame e ambizione e nell’ultimo anno hanno capito cosa vuole dire Palermo, possono rappresentare un buon punto di partenza. Se fossi io l’allenatore, mi focalizzerei sui giocatori abituati a vincere. Si pensi al Bari che ha preso un attaccante come Antenucci che ha ancora fame e ambizione. Non devi prendere giocatori che scelgono solo la piazza. Non credo che nessuno avrebbe difficoltà a scegliere Palermo, ma bisogna prendere quei giocatori che vogliono vestire la maglia rosanero anche per il progetto e che abbiano fame. Per questo, ad esempio, non serve acquistare 20 giocatori dalla B per vincere in Serie C».


 

ALTRI ARTICOLI

 

PALERMO, NUOVA CHANCE A MARONG, FICARROTTA E AMBRO

 

FUTURO ROSANERO PER DODA

 

FIGC, NOVITÀ MERCATO: CAMBIA REGOLAMENTO






1 commento

  1. Palermoforever? 22 giorni fa

    Parole assennate.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *