De Zerbi: "Col presidente rapporto schietto. Se Diamanti sta bene gioca, Gonzalez ci sarà"




Nonostante i risultati, Roberto De Zerbi è rimasto sulla panchina rosanero, ma non mancano i confronti con il presidente Zamparini. Intervenuto in conferenza stampa, il tecnico rosanero ha parlato proprio dei confronti con la società: "Ho allenato tre squadre e coi presidenti ho sempre avuto confronti, anche abbastanza accesi. Tendo a essere rispettato e ad avere autonomia nelle decisioni. Poi se qualcuno ci creda oppure no mi importa poco. Si vede che qualcuno è abituato in maniera diversa. Io ho un rapporto schietto e deciso col presidente. Se voglio il mio bene devo dire sempre la verità, senza scorciatoie o giri di parole. Abbiamo parlato di mercato, anche negli incontri precedenti a quello di questa settimana". Qualche indicazione sulla formazione di domani, a cominciare dal giocatore più importante: "Se Diamanti sta bene con me lui gioca sempre. Se sta bene non vuol dire se si allena, ma se è brillante. E' chiaro che nel ruolo in cui l’ho fatto giocare a Bologna so bene che non è ideale per farlo esprimere al meglio. Però quando mancano certe caratteristiche nell’organico è normale che si perda qualcosa, qualcuno deve giocare per forza non nella sua posizione ideale. Giovedì l’ho visto bene, mentre ieri era un po’ stanco. Può essere una cosa normale. Lui è sempre molto disponibile e soffre anche fin troppo la situazione. Gonzalez, invece, è rientrato e giocherà". Oltre i giocatori, domani De Zerbi potrebbe cambiare il modulo: "Quello che dico sul modulo lo dico perché è anche un complimento che faccio a voi stampa. Dove ho allenato finora non hanno mai aperto grosse discussioni sul modulo. Con Torino e Roma giocando a 5 abbiamo subito 8 gol, mentre in altre partite con un uomo in meno in difesa avremmo tenuto il gioco più lontano dalla nostra area. Insomma, se andiamo a vedere i singoli gol, come quello di Dzemaili, li avremmo potuti evitare con la difesa a 5, perché ci sarebbe stato il centrale di sinistra pronto a intervenire, però le statistiche dicono che subiamo molti più tiri con questa soluzione tattica. Quindi magari avremmo subito altri gol. Io non ho niente contro questo modulo, ho giocato spesso a 5 in passato".






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *