Criscitiello contro Zamparini: "Palermo non merita di diventare una barzelletta, cosa ci fa Lo Faso in Primavera?"




Il direttore di Tuttomercatoweb, Michele Criscitiello, nel suo solito editoriale del lunedì ha dedicato una riflessione sulla situazione del Palermo, che ha perso ieri sul campo del Sassuolo per 4-1 mettendosi ancora più nei guai per la corsa salvezza e facendo arrivare al capolinea l'avventura di Eugenio Corini sulla panchina rosanero. "Il Palermo è senza programmi, la squadra si è assuefatta alla sconfitta ma cosa aspetta il Palermo almeno a lanciare i giovani di valore che ha? Non è possibile vedere Simone Lo Faso ancora giocare in Primavera, un campionato che neanche allena il ragazzo con qualità oggettive sopra la media. Ma che il Palermo lo butti in prima squadra, almeno a fine anno troveremo forse qualcosa da salvare a questa barca che sta affondando. Nella vita bisogna avere la maturità e l'intelligenza di capire quando il film è finito e quando bisogna abbandonare la sala. A Palermo, in sala, è rimasto solo Zamparini con la puzza dei pop corn e con lo schermo nero. Non c'è nulla da proiettare, la scritta "the end" è passata da un pezzo e non c'è neanche più l'omino che all'ingresso stacca i biglietti. Il Palermo ha tradizione, storia e tifoseria. Zamparini è il proprietario non il padrone. Qualciuno dovrebbe intervenire - ha continuato Criscitiello - perché Palermo non merita di diventare la barzelletta di Italia e non merita di stare sullo stesso piano di Crotone e Pescara che, per un motivo o per un altro, hanno tradizioni diverse dal Palermo. Anche e soprattutto budget diversi. Si può perdere, si può retrocedere, gli errori calcistici e di valutazione tutti li possono commettere ma dopo la fortunata salvezza dello scorso anno, almeno, la dignità Zamparini avrebbe dovuta salvarla per il nome della città che porta in giro."






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *