DPCM

Coronavirus, ecco
il nuovo decreto

Coronavirus, Conte ha firmato il nuovo decreto



 

Arriva il nuovo decreto del Presidente del Consiglio con cui vengono predisposte nuove misure restrittive di contrasto al contagio da coronavirus valide da mercoledì 25 marzo.

 

Il Dpcm sospende le attività produttive industriali e commerciali, ma non le attività professionali.

 

Gli uffici pubblici e privati infatti restano aperti ma il provvedimento invita a agevolare in ogni modo il lavoro agile i congedi.

Tutte le attività sospese, invece, possono continuare solo in modalità smart working. Inoltre, il prefetto ha il potere di sospendere tutte quelle attività non ritenute indispensabili e strategiche.

 

Con il nuovo Dpcm appena firmato, la stretta - che nel provvedimento dello scorso 11 marzo aveva riguardato soprattutto il commercio - punta ora soprattutto su fabbriche e industrie.

 

Sospensione dunque delle attività produttive industriali o commerciali ad eccezione delle filiere necessarie e di quelle che consentano il funzionamento di queste ultima e indica un elenco con poco più di 100 attività che potranno continuare a restare attive.

 

Allegato 1 - Le attività che non sono state sospese

 

CLICCA QUI PER L'ELENCO DI TUTTE LE ATTIVITÀ NON SOSPESE






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *