RESTRIZIONI

Coronavirus, Musumeci proroga
le misure restrittive

Coronavirus, Musumeci proroga le misure restrittive



 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM

Twitter SIAMO SU TWITTER

FACEBOOK SIAMO SU FACEBOOK

 

 

La scadenza del primo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri circa le restrizioni era fissata per ieri, ma, come prevedibile, il tutto è stato prorogato, ad oggi, fino al 13 aprile.

 

La situazione in Italia resta tesa, non bisogna abbassare la guardia; per questo motivo, come annunciato dal Premier Conte qualche giorno e fa e come ribadito dai vari governatori delle regioni, la collaborazione Stato-regione è fondamentale.

 

Ad oggi, ha spiegato il Ministro per gli affari regionali Boccia, i governatori regionali possono prorogare le varie restrizioni fino al 13 aprile, ma da dopo Pasqua regioni e Stato devono lavorare in sintonia, così da adottare nuove norme da attuare uniformemente sul territorio italiano.

 

Intanto, Nello Musumeci ha disposto una nuova ordinanza con cui proroga le misure regionali attualmente adottate. Restano, dunque, anche le chiusure domenicali e nei festivi di tutte le attività commerciali ad eccezione di farmacie ed edicole.


QUI LA NUOVA ORDINANZA


Il presidente della regione Nello Musumeci ha anche sottolineato al  Presidente del Consiglio la necessità di un confronto preventivo con il Ministro dell’Economia «per poter definire la legge di Bilancio regionale, adottando, in questo particolare momento, alcune misure di carattere economico essenziali».

 

Musumeci, inoltre, chiede maggiori controlli sul territorio da parte delle forze dell’ordine. Intanto per Pasqua e Pasquetta i controlli saranno intensificati per evitare gli assembramenti.  

 

ALTRI ARTICOLI

 

CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO DEL 3 APRILE IN SICILIA

 

CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO DEL 3 APRILE IN ITALIA

 

ORLANDO: «APPROVATI FONDI DI ASSISTENZA ALIMENTARE»





Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *