LO STUDIO

Confcommercio: 270 mila
a rischio chiusura

Confcommercio: 270 mila imprese a rischio chiusura



Se le condizioni economiche non dovessero migliorare, e dunque non ci fosse la riapertura totale entro ottobre, sono 250 mila le imprese di commercio che rischiano la chiusura definitiva.

 

Questa è la stima dell'Ufficio Studi Confcommercio sul rischio di chiusura delle imprese del terziario di mercato riportata da Ansa.


LEGGI ANCHE

 

• DIRETTA/FORZAPALERMO.IT TALK - DOMENICA 10 MAGGIO

 

• AGGRESSIONE AUTISTA AMAT: LA SOLIDARIETA' DI ORLANDO

 

• SERIE A, CELLINO CAMBIA IDEA: «BISOGNA RIPARTIRE»

 

• CORONAVIRUS SICILIA, IL BOLLETTINO DEL 10 MAGGIO IN SICILIA

 

• CONTROLLI A MONDELLO, MENO PERSONE IN SPIAGGIA

 

• 2 SETTEMBRE 2007: LIVORNO-PALERMO 2-4, OPERAZIONE NOSTALGIA


 

Questa , è «una stima prudenziale che potrebbe essere anche più elevata perché, oltre agli effetti economici derivanti dalla sospensione delle attività, va considerato anche il rischio, molto probabile, dell'azzeramento dei ricavi a causa della mancanza di domanda e dell'elevata incidenza dei costi fissi sui costi di esercizio totali che, per alcune imprese, arriva a sfiorare il 54%. Un rischio che incombe anche sulle imprese dei settori non sottoposti a lockdown».

 

 

Nel rapporto dell’Ufficio Studi di Confcommercio viene spiegato che «u un totale di oltre 2,7 milioni di imprese del commercio al dettaglio non alimentare, dell'ingrosso e dei servizi  quasi il 10% è, dunque, soggetto ad una potenziale chiusura definitiva. I settori più colpiti sarebbero gli ambulanti, i negozi di abbigliamento, gli alberghi, i bar e i ristoranti e le imprese legate alle attività di intrattenimento e alla cura della persona. Mentre, in assoluto, le perdite più consistenti si registrerebbero tra le professioni (-49 mila attività) e la ristorazione (-45 mila imprese). Per quanto riguarda la dimensione aziendale, il segmento più colpito sarebbe quello delle micro imprese - con 1 solo addetto e senza dipendenti - per le quali basterebbe solo una riduzione del 10% dei ricavi per determinarne la cessazione dell'attività».

 

La mortalità delle imprese, secondo lo studio, è «superiore al normale per tener conto del deterioramento del contesto economico, degli effetti della sospensione più o meno prolungata dell'attività, della maggiore presenza di ditte individuali all'interno di ciascun settore e del crollo dei consumi delle famiglie».

 

ALTRI ARTICOLI

 

• «CI SARA' UNA SELEZIONE NATURALE DI SQUADRE IN ITALIA»

 

• SIBILIA: «NESSUNO DANNEGGI LA SERIE D» (AUDIO)

 

• BINDA A FP.IT: «UNICA SOLUZIONE E' RIPRENDERE I CAMPIONATI»

 

• FASE 2, LA PREOCCUPAZIONE DI ORLANDO (VIDEO)

 

• U' PICCIRIDDU TORNA (QUASI) ALLA NORMALITA'

 

• GHIRELLI: «RICORSI? CI DAREBBERO UN CALCIO NEL SEDERE»

 

• DA BERGAMO: "PRIMA DENIGRAVO PALERMO, VI CHIEDO SCUSA"

 

• BERGAMASCO SI SVEGLIA DAL COMA A PALERMO: "MI TATUO LA SICILIA"

 

• ESCLUSIVO - PALERMO, A TUTTO SAGRAMOLA: L'INTERVISTA VIDEO

 

• GUIDOLIN A FP.IT: «PALERMO CHE NOSTALGIA, MI MANCA MONDELLO»

 

• ZENGA SENZA FRENI: "PASTORE SEMPRE IN CAMPO, ZAMPARINI SA"

 

• TOTTI E DEL PIERO LIVE: "A PALERMO MICCOLI E AMAURI..." VIDEO






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *