Come potrebbe essere la prossima Serie B - Forza Palermo Calcio Giornale
PROSSIMA STAGIONE

Come potrebbe essere
la prossima Serie B

Come potrebbe essere la prossima Serie B



La stagione in corso sta per concludersi con sole sei giornate al termine. Il Palermo è sempre più vicino alla retrocessione in Serie B, il quartultimo posto occupato dall'Empoli dista dieci punti e se i rosanero continuano a non far punti, l'aritmetica certezza della retrocessione arriverà fra un paio di settimane. 

 

Ipotizzando un probabile prossimo torneo di B in cui ci sarà il Palermo, si può già immaginare la composizione del campionato cadetto della stagione successiva. Partendo dalle retrocessione della A, con ogni probabilità i rosanero rincontreranno il Pescara ed il Crotone. Una delle sfide più interessanti potrebbe essere quella contro il Venezia, ormai matematicamente promosso dalla Lega Pro. Due grandi città, entrambe gestite da Maurizio Zamparini. Sempre dalla Lega Pro saliranno sicuramente una fra la Cremonese e l'Alessandria in modo diretto per quanto concerne il girone A. Un derby del sud potrebbe essere quello fra il Palermo e il Foggia, vicinissimo all'aritmetica promozione dal girone C. Successivamente potrebbe salire anche una fra Lecce, Juve Stabia, Matera e anche il Siracusa per un improbabile derby siciliano, che si giocheranno la promozione con le altre squadre di altri gironi.. 

 

Data la grande ripresa del girone di ritorno, il Trapani resterà in B. Ci sarà spazio sicuramente per un derby siciliano, che ai tifosi rosanero porta bei ricordi. Nell'attuale serie cadetta dovrebbero restare squadre come Ascoli, Cesena, Avellino, Pro Vercelli, Salernitana, Bari, Novara e Carpi. Il Brescia e il Vicenza potrebbero lottare ai play-out per non retrocedere con Ternana, Pisa e Latina. Mentre Spezia, Entella, Perugia, Benevento e Cittadella si giocheranno i play-off con una fra Verona e Frosinone. Le due squadre lottano per accompagnare in A, probabilmente, la Spal, vera rivelazione del campionato. 






7 commenti

  1. Mezzomonreale Domina 21/04/2017

    Assieme a Gigi Simoni prendiamo Carletto Mazzone allenatore. Ma Palermo Domina non aveva detto che ci salvavamo sicuro?

  2. Ermanno T. 21/04/2017

    Gabriele, Gigi Simoni ha 78 anni! Lascia che si goda la meritata pensione.

  3. GabrieleMR 21/04/2017

    Per ripartire occorre innanzitutto verificare attività e passività presenti. In secondo luogo occorre sapersi scegliere i consulenti giusti. Se, per esempio, si ricorresse all'esperienza di gente come Gigi Simoni, si potrebbe star certi che DS e allenatore verrebbero scelti con oculatezza e i giocatori di conseguenza ... Ma, prima di tutto e rapidamente, occorre verificare i conti "reali" del Club.

  4. Antonio Figuccia 21/04/2017

    La serie B dei record sarà un ricordo...molto difficile da ripetere prevedo un campionato cadetto molto difficile competivo agguerrito muscolare e piu interessante da seguire ci vorrà gente di categoria abituata a vincerla spesso...del presente non deve rimanere IL NULLA resettare il tutto con gente motivata OPERAIA e CONTINUITA' del PROGGETTO termine presente nella nuova proprietà REQUISITO IMPORTANTISSIMO...Zamparini.????...vvvvvviiiiaaaaaa vai a Trieste che ti aspettano con ansia vai a consumare i tuoi compaesani...palermitani si nasce...

  5. Peppiniello 21/04/2017

    Per tornare in serie A ci vuole una società seria, prima del ds e dell'allenatore.

  6. GabrieleMR 21/04/2017

    La probabile rivelazione del campionato di B dell'anno venturo potrebbe essere proprio il Venezia (la Società, sta infatti seguendo un suo progetto). Altra rivelazione, potrebbe rivelarsi il Parma qualora riuscisse a vincere dei play off ce, per la qualità dei partecipanti, vedo davvero molto combattuti e interessanti.

  7. rosanero 21/04/2017

    Per ritornare subito in serie A serve un allenatore d'esperienza e un direttore sportivo d'esperienza, la squadra se guidata da gente seria ottiene risultati importanti, ovvio servono rinforzi.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *