4 LUGLIO

Ciò che è morto non muoia mai

Ciò che è morto non muoia mai



In momenti come questo una penna pesa più di un macigno. 

 

Dover scrivere della morte (quasi certa) del Palermo Calcio è quanto di più doloroso può capitare ad un giornalista tifoso dei colori rosanero. Morte avvenuta per giunta in un giorno che per congiunture astrali amplifica il mio sentimento di beffa e di amarezza. 

 

Il 4 luglio la Covisoc boccia il Palermo escludendolo dalla Serie B. La morte rosanero nel giorno della nascita, più di trecento anni fa e dall’altra parte del globo, degli Stati Uniti d’America e dell’amore di Romeo e Giulietta narrato nella celebre opera shakesperiana. 

 

Storia, letteratura ma anche sport. Quel 4 luglio che tredici anni fa mi ha regalato una delle gioie più incredibili della mia, seppur breve ma non brevissima, vita da tifoso di calcio. Un rosanero tinto d’azzurro, a Dortmund, gira in pieno recupero il pallone alle spalle di Jens Lehmann e subito dopo Alex chiude i discorsi regalando all’Italia la finale mondiale contro i nemici di sempre, in casa dei nemici di sempre. Quegli avversari che nello stesso giorno, nel lontano 1954, ottenevano il primo successo mondiale contro la grande Ungheria di Puscas, che insieme all’Olanda del 74’ compone il duo di squadre più forti di sempre che non hanno mai vinto una rassegna intercontinentale.

 

Da amante di calcio e di intrecci storico-culturali uccidono il Palermo Calcio in un giorno come questo, lasciandomi la sensazione di una serie tv, amata follemente, che si chiude con un finale di merda. Mi perdonerete il termine indelicato, ma non ho veramente altre espressioni che possano esprimere meglio tale sensazione. 

 

Per motivi anagrafici il mio amore per i colori rosanero è nato proprio in corrispondenza dell’inizio dell’era Zamparini, iniziata col botto e capace di entusiasmarmi e divertirmi proprio come una serie tv può fare. 

 

Poi il calo fisiologico, mancanza di idee, forse il tempo che passa, ma sempre con la speranza dell’arrivo di quell’idea geniale che risollevi tutto. Invece solo tanti plot twist sconclusionati degni del peggior sceneggiatore e un finale che dà solo una sensazione di enorme schifo, e che manda a quel paese tutti i momenti di gioia dei primi anni. 

 

Forse un giorno di nascita e di gioia come il 4 luglio può invece permetterci di cambiare prospettiva, e di vedere questa morte come una rinascita degna dell’araba fenice. Di rinascita anche delle nostre penne, per farle tornare leggere e farle volare partendo dal basso, da ambienti alle volte anche bucolici che tanto hanno dato alla letteratura. Per avere, almeno per una volta, la possibilità di riscrivere un finale da dimenticare e tornare a parlare di ciò che più amiamo, ovvero di calcio. 





5 commenti

  1. Il Moro 05/07/2019

    Anch'io la penso come ciuridduscainius24 e antizampa....volete mettere non vedere il friulano con quelle immagini del ritiro precampionato vicino la sua Vergiate solitamente con gli shorts che magari si mangia un frutto con quell'aria da mega so tutto io bisogna dire che era l'unico momento in cui cercava di apparire come presidente, x il resto assenze e quant'altro inutile pure ridirle certe cose

  2. Francesco 70 05/07/2019

    Ero ragazzo nel 1987,quando il Palermo venne radiato.Ricordo ancora gli insulti a Matarrese,ma soprattutto la manganellata che presi in testa perché mi trovavo a protestare in piazza della Vergogna insieme ad altri tifosi.Adesso tanti anni dopo mi ritrovo a vivere nuovamente questo brutto momento,ma difficilmente mi sarei mai aspettato di vedere il Palermo di Miccoli,Pastore,ecc.Spero vivamente tra un po' di anni,di rivedere il Palermo là...dove conta...

  3. AntiZampariniForEver 05/07/2019

    La penso come ciuriddu , bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno fine della PESTILENZA ed epurazione di tutti i soggetti diretti ed indiretti che hanno rovinato una società e calpestato per anni i nostri colori e la nostra dignità. Siamo civili nell'affrontare questa vicenda , in altre piazze più calde li sarebbero andati a prendere per le corxa a questi farabbutti!

  4. CiuridduScaiNius24® 05/07/2019

    Si aggiungerei anche che il 4 luglio è uscito Annabelle3 dell'universo The Conjuring della realmente esistita famiglia Warren. Ottimo spin off dopo il bellissimo The Nun. Non sono triste anzi questo deve essere preso come un segno di rinascita e di successi futuri. Il Barbera avrà sicuramente più spettatori, e sarà molto meglio e gratificante una promozione in D potendo sognare un futuro migliore, che essere in B o magari in A collezionando record di sconfitte e sapendo che la retrocessione è programmata, come il giorno della marmotta o è già ieri, in un interminabile e angosciante loop.

  5. Antonio 05/07/2019

    Bello l'articolo , complimenti ,i signori finedelmondo sannò solo fare video ,comunicati e chiacchiere ,sono venuti qui a distruggere una bella cosa credendosi furbi e grandi imprenditori volevano fare le nozze con pane e panelle hanno distrutto una passione non fate ricorso, andate via e BASTA

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *