CESSIONE SOCIETARIA

GDS: si attende il closing
Anche Ponte nell'accordo

GDS: si attende il closing. Anche Ponte nell'accordo



Dopo l'assemblea dei soci di domani il capitolo cessione societaria potrebbe subire nuove ed importanti novità. La cordata straniera con cui Maurizio Zamparini sta trattando sarebbe infatti pronta, solo una volta approvato il bilancio, ad acquisire il 70% delle quote azionarie del club, con il patron che resterà all'interno della società e un possibile ruolo anche per Antonio Ponte

 

Stando a quanto scritto oggi da Benedetto Giardina per il Giornale di Sicilia le tracce dell'imprenditore italo-svizzero sarebbero sparite per via di un patto di riservatezza firmato da Zamparini e lo stesso Ponte, con quest'ultimo che potrebbe comunque entrare in società nonostante la sconnessione tra la cordata che procede speditamente verso il closing e il proprietario del fondo Raifin. «Le due strade potrebbero incrociarsi, in vista di una futura vendita del 100% delle quote o per la necessità di trovare qualcuno a cui affidare la presidenza, per la quale Ponte è ancora in corsa»: dice Giardina, puntualizzando come al momento Ponte rimanga effettivamente l'unico candidato alla presidenza del Palermo dall'assemblea del 26 ottobre. Su questo versante si concluse tuttavia con un nulla di fatto rinviando tutto al 10 novembre ossia domani, giorno in cui avverrà l'approvazione di bilancio da parte dei soci e punto di partenza per la formalizzazione di qualsiasi operazione di cessione quote che, per via della quotazione in borsa della cordata acquirente, non avverrà prima della prossima settimana. 

 

A cessione delle quote avvenuta su procederà alle modifiche nell'organigramma societario, dal momento che Zamparini non ritiene necessario effettuare modifiche immediate con il cambio proprietà in arrivo. Il giornalista del Giornale di Sicilia ci presenta quindi lo scenario che si potrebbe aprire la prossima settimana: «Il fondo prende il 70% del Palermo, Zamparini sarà consulente dell'area sportiva con una quota minoritaria e Ponte entra nel consiglio, rimanendo candidato alla presidenza in vista della prossima assemblea dei soci», non escludendo comunque un possibile nome nuovo, preferibilmente palermitano, di fiducia da inserire all'interno dell'organigramma societario.

 

Il tutto però dovrà per forza di cose essere approvato dalla nuova proprietà, che oltre alla questione del nuovo CdA dovrà occuparsi, in primo luogo, dell'aumento di capitale. Zamparini ha già assicurato al collegio sindacale di far rientrare 10 dei 22,8 milioni che Alyssa deve al club per l'acquisizione della società detentrice del marchio ovvero Mepal, ma un aiuto da parte di chi arriverà nel club sarà necessario per sostenere gli altri oneri gestionali. Il primo step, ovvero l'accordo preliminare, è gia pronto e si attende adesso l'assemblea di domani, snodo cruciale per poter far scattare il countdown per il closing a partire dalla prossima settimana. Non si tratta, almeno nell'immediato, di una vera e propria fine dell'era Zamparini ma arriverebbero capitali freschi di cui il Palermo in questo momento ha grande bisogno. Sempre con la speranza che questa volta, dopo Ponte, Follieri e gli americani, l'ennesima vicenda di cessione societaria possa avere un lieto fine. 






8 commenti

  1. Tutto 7 giorni fa

    Quando uno vuole capire quanto è diffusa l'imbecillità, basta che si legga i commenti di questo sito

  2. FABRIZIO 7 giorni fa

    Lo diceva un noto comico italiano... A ME, ME PARE NA STRUNZATA. Finirà tutto con il classico detto... TUTTO FUMO E NIENTE ARROSTO

  3. rosario 8 giorni fa

    Il Signor Benedetto Giardina non lo conosco non leggo il GDS pertanto faccio finta che le cose siano vere. Detto questo mi chiedo questo fondo internazionale sa bene quello che sta facendo? Questo fondo viene a Palermo solamemte per investire sulle strutture? No perchè se le intezioni sono queste si preparino a costruire uno stadio da 7000 posti perchè quelli al massimo saranno i presenti. Giù le mani dalla città, giù le mani dal rosanero maledetti!

  4. Rubini 8 giorni fa

    Benedetto Giardina. Una laurea, cinque lingue, collabora con il GdS. Questo ho trovato, non so, non lo conosco. Ragazzi, scusate, ma secondo me state diventando troppo esigenti. Forse perché ormai abituati a maitre a penser di livello europeo, che frequentano spesso siti rosanero. Ambienti universitari, Sorbonne, Ball Close Center, Moscow Sfigaty University. Insomma, un po' di rispetto anche per le persone normali, semplici. Che diamine.

  5. Aquilotto 8 giorni fa

    @AQUILA ROSANERO , NON HO MAI LETTO UN ARTICOLO INTERESSANTE DI QUESTO B.GIARDINA ,O SCRIVE DI ARGOMENTI GIÀ NOTI OPPURE COSE DEL TUTTO INATTENDIBILI E SEMPRE A FAVORE DEL FRIULANO .......GATTA CI COVA

  6. Aggregazione galattica lame rotanti 8 giorni fa

    Fonti molto più attendibili e competenti sono i commentatori di questo sito, soprattutto quando scrivono di anello al naso, libro paga, 'Zamparini vattene', etc.

  7. Funk 8 giorni fa

    Sembra tutto chiaro????

  8. Aquilotto 8 giorni fa

    PRESTO SAPREMO QUALE INGANNO HA ORGANIZZATO PER QUESTO NUOVO GIOCO DELLE TRE CARTE , PERCHÉ RICORDIAMO CHE LO s***o FINALE È SEMPRE QUELLO DI NON MOLLARE PER CONTINUARE A SPOLPARE

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *