DAMIR SRL

Cessione Palermo, la lettera
della famiglia Mirri

Cessione Palermo, la lettera della famiglia Mirri



 

 

La famiglia Mirri esce allo scoperto con una lunga lettera che spiega la posizione in merito all’acquisto del Palermo.

 

«L’intendimento della nostra società (la Damir s.r.l.) - spiegano Daniele e Dario Mirri - e della nostra famiglia era solo quello di approntare le somme occorrenti per il versamento degli stipendi e, dunque, consentire alla società di evitare la penalizzazione prevista in ipotesi contraria. Si è trattato di una vera e propria professione di fede frutto di un attaccamento e di un amore nutrito nei confronti della squadra del Palermo, che appartiene da sempre alla nostra famiglia risalendo alla presidenza di nostro zio Renzo Barbera».


L’investimento è legato all’affidamento delle attività di comunicazione e marketing della società e della squadra attingendo ad un’esperienza aziendale di ben cinquant’anni nel settore pubblicitario. «L’attuale proprietà della Società ha ritenuto di non dover positivamente valutare la nostra proposta». 


I fratelli Mirri si augurano un passaggio delle quote e un passaggio ad un socio capace di sostenere le spese. «Auspichiamo che lo sforzo oggi profuso possa fungere da stimolo per altri imprenditori (magari con maggiori possibilità e capacità) che vogliano, con il medesimo spirito di attaccamento, offrire soluzioni per il salvataggio della società simbolo della nostra città. Soluzioni che siano rispettose anche e soprattutto dei tifosi di cui noi facciamo parte», concludono.






9 commenti

  1. Rosario Galatioto 95 giorni fa

    È logico che chi investa voglia un tornaconto, ma non mi venga a parlare di un atto di puro amore per i nostri colori. Chi fa un atto d'amore non pretende nulla in cambio, come hanno dimostrato i 20000 del Barbera. Era un investimento, tutto qui.

  2. Torakiki 95 giorni fa

    Rosanero Forever noi saremo disturbati ma tu hai il prosciutto negli occhi il Palermo come ad ha la segreteria storica di zamparini e come presidente Foschi (cosa voluta da lui da tempo) sa chi c'è dietro al Palermo... zamparini cosa da pazzi!!

  3. Torakiki 95 giorni fa

    Non ci trovo nulla di male, escono soldi e vogliono un tornaconto. Piuttosto mi chiedo perché gente con l'acqua alla gola rifiuta. Foschi per conto di chi agisce?? Sto ostruzionismo é tipico dell'innominabile che non vuole cedere niente.

  4. rosaneroforever 95 giorni fa

    i disturbati che vedono zamparino dappertutto dovrebbero astenersi dal continuare a sciorinare i loro problemi mentali in questa chat. Per fortuna 22.000 persone non zampariniane hanno tifato per il Palermo come si dovrebbe in momenti come questo. itivi a sdivacari na atta muaitta nta facci. Facciuali strisciati e curve a du euro a casa!

  5. Gi&Gi souvenir by Ball Close 96 giorni fa

    Quoto Alessandro, Fabio e me cumpare Tano, u putiaro. Un saluto al caporale ru cammeruni Antonino, u sensale.

  6. Fabio 96 giorni fa

    Alessandro concordo

  7. Yes 96 giorni fa

    Ma poi, chiedete azioni!! no, la comunicazione è la pubblicità del market. Se questi fra un mese cedono a zero euro, è chiaro che non possono fare contratti .... i soliti palermitani. Se il loro intervento era decisivo, che si vedono sta partita, visto che sono tifosi, perché oggi per la pubblicità ed il n market 25 000 colleghi vostri sono allo stadio per nulla

  8. Alessandro 96 giorni fa

    Per Tutti quelli Che Hanno brindato per la presidenza Di foschi,non avete capito Che il Palermo ritorna nelle mani del criminale friuliano ,complimenti per Acer riempito lo stadio invece di lasciarlo vuoto,cosi il delinquente non venderá mai

  9. Yes 96 giorni fa

    Non so se sono solo loro quelli che dovevano mettere i soldi, non so se hanno ricevuto un torto ecc. Trovo di pessimo gusto uscire sta lettera mentre il Palermo l fermo sta giocando. Pessimo gusto.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *