Caso Palermo, Malagò: «Le sentenze vanno rispettate» - Forza Palermo Calcio Giornale
GIORNALE DI SICILIA

Caso Palermo, Malagò: «Le
sentenze vanno rispettate»

Caso Palermo, Malagò: «Le sentenze vanno rispettate»

Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul Palermo Calcio al Giornale di Sicilia.

Di seguito quanto emerso.

 

Non posso che essere dispiaciuto. Se una squadra perde il diritto di giocare nella propria categoria. Tanto più se rappresenta una piazza storica del sport italiano e del calcio in particolare. Qui bisogna però rispettare assolutamente le istituzioni di giustizia sportiva. Oggi abbiamo organismi completamente autonomi e non posso dire altro, se non che è indispensabile che in tempi rapidi arrivino sentenze.

 

Infine, un pensiero sul rinvio.

Mi auguro che non sia un’estate di ricorsi. Le sentenze vanno rispettate.

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM


 

RINVIO UDIENZA, IL COMUNICATO DEL CLUB

 

UDIENZA IL 29 MAGGIO, IL COMUNICATO DELLA FIGC

 

RINVIO, CASSAZIONE E PLAYOFF: PARLA L'AVVOCATO DI CIOMMO






3 commenti

  1. Silipo 85 giorni fa

    Lo sport in italia è una associazione delinquere, iniziando dal nostro, si fa per dire, Miccichè. Quando qualche magistrato senza scrupoli e irreprensibile inizierà ad indagare, credo che qualcuno farà visita alle patrie galere.

  2. tino 85 giorni fa

    NON SONO D'ACCORDO LE SENTENZE SOPRATUTTO SBAGLIATE VANNO MESSE IN DISCUSSIONE SENA SE E SENZA MA COME FA A PARLARE MALAGO' LO SCORSO ANNO SI CONGRATULO' PER LA VITTORIA DEL FROSINONE CHE SAPPIAMO TUTTI COME HA CERCATO DI VINCERE PER POI RETTIFICARE COSA POTEVA DIRVI UNA PERSONA COSI'

  3. Cittadino 85 giorni fa

    E la presunzione di innocenza resta tale finché una sentenza definitiva sancisca qualcosa di diverso. Avete scritto una delle pagine più nere dello Sport italiano ... Davvero complimenti!

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *