PENSIERI

Caso Palermo,
la chiamavano giustizia

Caso Palermo, la chiamavano giustizia



Pensieri.

Più che pensieri sono dei ciarpami scivolati sulla tastiera alla rinfusa.

Eppure un paio di domande le farei volentieri ai professionisti della giustizia.

Giustizia... Ovviamente si fa per dire, poiché la sentenza pronunciata poco più di quarantotto ore fa elude qualsivoglia logica giuridica e di buon senso. 

Quindi, ricapitolando. 

 

Il Palermo viene condannato dal TFN all'ultimo posto in classifica e quindi alla retrocessione in serie C per responsabilità diretta nel reato di illecito amministrativo legato alla vicenda Alyssa - Mepal

Come se non bastasse a distanza di poco più di un'ora arriva il comunicato della Lega di B a rendere la sentenza immediatamente esecutiva, notificando, de facto, l'annullamento dei playout e confermando la data di

inizio dei playoff senza attesa alcuna per l'eventuale appello della parte soccombente, nella fattispecie il Palermo Calcio

Roba da Repubblica delle banane.

Per gli amici della Procura Federale e della Lega B, un po' di ripasso. 

 

1. Secondo l'articolo 27 comma 2 della Costituzione Italiana "l’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva", quindi fino a che la sentenza sia passata in giudicato. 

 

2. I caratteri che deve avere il giudice sono l'imparzialità, la terzietà e l'indipendenza. Pena la ricusazione di quest'ultimo. 

 

3. Ne bis in idem sostanziale (nessuno può essere processato due volte per lo stesso reato).

 

4. L'articolo 3 della Costituzione Italiana sancisce il principio di uguaglianza.

 

Sono alcuni dei principi cardine del nostro ordinamento giuridico che lunedì sono stati vilipesi e mortificati: un'autentica prostituzione del diritto.

La chiamavano giustizia.

 

Il nulla cosmico a cui la città e i suoi tifosi sono stati relegati accentua ancora di più la propria voragine con la sensazione ormai plastica di un autentico accerchiamento e/o complotto nei confronti di questi colori.

Il calcio italiano vistosamente alla deriva e sempre più ammalato terminale spara a morte al capro espiatorio Palermo Calcio per rinascere e tornare pio e limpido.

Basta andare a vedere chi sono i soggetti che compongo il consiglio di Lega B che lunedì ha armato la mano dell’ingiustizia per colpire fatalmente non solo la squadra ma la passione e l’amore per questo sport.

La chiamavano giustizia.

 

La mesta considerazione ci lascia attoniti ma la realtà ci racconta di un calcio italiano sempre più politico e meno sportivo.

Una dimensione in cui a decidere le sorti di una squadra non è il pallone che varca o meno la linea della porta ma “l’umore” di prestigiatori in doppiopetto lì, ex cathedra, a decidere nel sacro nome del diritto (quale?) il

futuro e l’epilogo dei campionati. 

La chiamavano giustizia.

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM


 

 

ALTRI ARTICOLI

 

FOSCHI IN LACRIME: «E' UNO SCANDALO, UNA PAGLIACCIATA»

 

TUTTOLOMONDO DIPLOMATICO: ECCO IL NUOVO AVVOCATO

 

ARRIVATA LA SENTENZA: PALERMO RETROCESSO IN SERIE B

 

LA LEGA B RENDE ESECUTIVA LA SENTENZA DEL TFN






16 commenti

  1. Rubini 8 giorni fa

    @Antonio Milano. Il Crotone? E quindi hai dimenticato la vittoria del Palermo (già retrocesso) contro l'Empoli, che vi consegnò una salvezza a quel punto da tutti considerata impossibile. Perché voleva dire una rinuncia da parte del Palermo ( del 'furfante' Zamparini) di ben 10 MILIONI di Euro, come secondo paracadute, in caso di mancata promozione dopo il primo anno di B. 10 MILIONI! Per poi elemosinare i 3 milioni di ogni scadenza-stipendi. Non dico che ci spetterebbe una medaglia al valore, per meriti sportivi, ma almeno un po' di memoria, da parte dei crotonesi, se non di tutti.

  2. ANTONIO MILANO 8 giorni fa

    Dopo il caso Chievo, farsa che ha portato a sperare il ripescaggio di alcune squadre come il mio Crotone, condizionandone il mercato e dopo il caso Parma, che coinvolse il giocatore Calaiò, nulla é stato fatto perché la giustizia trionfasse. Nè il Parma tornò a giocare la serie B e né il Chievo retrocedette, nessuno ha reclamato in modo forte e di fronte ad un illecito amministrativo così grave ed evidente mi parlate di giustizia contro tutta la città di Palermo, anziché prendervela contro l'Amministrazione del Palermo? Ma chi volete prendere in giro?

  3. ANTONIO MILANO 8 giorni fa

    Voglio dire semplicemente una cosa. Una settimana prima dell'inizio di campionato di Serie BKT si decide la riduzione delle squadre da 22 a 19 squadre. Non é stato fatto appello di massa di fatto protestando contro questa prima ingiustizia. Prima dell'inizio di questa stagione scoperte in flagranza di reato le plusvalenze fittizie del Chievo e gli illeciti di supervalutazione dei giocatori scambiati col Cesena e il Cesena viene condannato al fallimento; il Chievo contro cui sono stati chiesti , dopo gli accertamenti, 15 punti di penalizzazione, ridotti a 6 e in corso di stagione di fatto a 3

  4. giuseppe palazzotto 8 giorni fa

    non puo essere cosi vergognosamente oltraggioso la figc e lagiustizia sportiva

  5. Rubini 8 giorni fa

    @Daniele. Dimenticavo 'Non ti caga nessuno' Cacare, a Milano è c****e. Anche questo è degrado!! Ps E intanto si rivolge a me ahahahahah ma non sarà sempre lui, ovvero GIGIniello (di cognome Forbidden) ?

  6. Rubini 8 giorni fa

    @Daniele. Anonimo io? Ed allora perché parli di 'ETA' SENILE'? Come fai a dirlo? Qui tutti mi conoscono, c'è persino chi conserva delle mie fotografie, da QUINDICI ANNI! Chi mi contatta per via privata (e non so come facciano così tante persone a conoscere i miei indirizzi). Per svariati motivi, chi per propormi ridicoli souvenir, chi per raccomandarmi un figlio o la fidanzata, o parlare di baracche. Chi per minacciarmi (buoffe e cinghiate!!). Giorni fa un giginiello ha elencato tutti i miei nick, uno per uno, in siti rosanero o palermitani, da vent'anni fa ad oggi. Pensa un po'!

  7. Rubini 8 giorni fa

    Esatto! La cosiddetta 'Legge del Menga' di fronte alla quale soccombe anche il Diritto Costituzionale! 'nghia putienza!! ahahahahah e cirivieddi montati attipo scubidub ahahahah

  8. GIOVANNI 8 giorni fa

    LO TOGLIETE QUESTO FACCIA DI c**o DALLA HOME PAGE?

  9. Daniele 8 giorni fa

    @Rubini Tu parli sempre di anonimi, serpenti, gigi, ignavi. Ma tu chi diavolo sei? Anonimo più di tutti, spesso ingiurioso e subdolo nascosto dietro una tastiera. Dillo tu chi sei con nome e cognome e dove vivi, in caso contrario non accusare gli altri o sarai un grande ipocrita che butta la pietra e nasconde la mano. E non uscirtene con le solite frasi demenziali per non rispondere, cerchi solo lo scontro per avere un minimo di scambio sociale, ma come vedi non ti caga nessuno. Sei un tifoso ombra in età senile degno del marcio di viale del fante. COME SI OPERA SI GIUDICA.

  10. federico || 8 giorni fa

    domani la FIGC (che si riunisce in seduta plenaria) per me l'unica cosa che fara' è ribaltare la decisione del Consiglio di Lega sui play out (perchè viziata dal fatto che a termini di regolamento il Palermo non è retrocesso d'ufficio, ma all'ultimo posto della classifica del campionato di Serie B 2018-19). perciò alla fine per me il Play out si farà, mentre rigetteranno il ricorso de Palermo .

  11. federico || 8 giorni fa

    Esimio dott. Francesco Lupo, come sicuramente lei sapra' è nel potere della lega e del Consiglio di lega recepire una sentenza immediatamente operativa del TFN. Purtroppo tutti gli articoli da lei citati ( sacrosanti direi) della nostra Costituzione sono esse stesse superabili dalle regole che si è data la lega stessa sotto la supervisone della FIGC

  12. Rubini 9 giorni fa

    Appunto. A brigante, brigante e mezzo. Insomma non si salva NESSUNO, a parte chi ha disertato lo stadio, GLI ASSENTI. E chi ha contestato ANONIMAMENTE, un giorno fiore e un giorno serpente. In definitiva si SALVANO, come sempre, soltanto GLI ASSENTI E GLI ANONIMI. Che vengono subito dopo gli IGNAVI, a chiudere la fila.

  13. Blackmamba 9 giorni fa

    Si è arrivati a questo perchè un soggetto rinviato a giudizio e agli arresti, ha truccato con i suoi complici tre anni di bilanci, e con decine di commedie e teatranti ha reso la società una barzelletta con forza e credibilità inesistenti. Detto questo poichè l'OMERTA' di una parte della tifoseria organizzata ha contribuito con un tacito silenzio a fare pregiudicare le cose, bisogna dire chiaramente che abbiamo assistito a un classico caso di mafiosità. Si impongono cose con prepotenza a discapito di leggi e regole. Cancellare i play out poi non credo abbia precedenti nel mondo.

  14. Aggregazione galattica lame rotanti 9 giorni fa

    Ancora una volta Zamparini si rivela come uno dei migliori attori nel calcio italiano... Il confronto con gli altri presidenti di Serie B la dice lunga.

  15. rosario 9 giorni fa

    Bello articolo da fare leggere ai giudici del tribunale federale . Comunque il paradosso è sempre quello lui se ne esce con le saccocce piene e la citta e i tifosi mortificati. Se vi dico che mi sto allontanando dal calcio in maniera definitiva ci credete?

  16. Yes 9 giorni fa

    Infatti non dovremmo più prendere parte a sta commedia. Non è difficile. Possiamo organizzarci fuori dai canali federali. Facciamo un torneo pulito dove ritrovarci in armonia con il pallone. Non ci saranno inter e milan, ma ci saremo noi.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *