ESCLUSIVA

Calogero (dg M.Ragusa): «Contro
il Palermo una sfida speciale»

Calogero (dg M.Ragusa): «Contro il Palermo una sfida speciale»



 

 

Il Palermo, reduce dal successo contro il Roccella, si prepara ad affrontare domenica fuori casa il Marina di Ragusa, che ha guadagnato un punto in casa del Savoia la scorsa giornata.

 

Un punto davvero importante che oltre ad essere importante in ottica salvezza, può aver dato un’iniezione di fiducia agli uomini di mister Utro.

 

Proprio in vista della sfida di domenica alle 14:30 allo stadio “Aldo Campo’’ di Ragusa, abbiamo intervistato il direttore generale del Marina di Ragusa Nunzio Calogero, che ci ha parlato di come la squadra sta preparando la sfida contro i rosanero:

 

«La stiamo preparando come quella di Savoia. Il punto guadagnato contro i campani non è l’unico ad averci reso consapevoli della nostra forza perché è il terzo risultato utile consecutivo. I ragazzi inseriti nel gruppo si sono calati nella squadra con la giusta mentalità. Le nostre scelte ci stanno ripagando. Abbiamo pareggiato contro il Corigliano quando avevamo cinque titolari assenti. La sfida contro il Palermo la stiamo preparando come sempre fatto con le altre partite».

 

Il Palermo, dopo un girone d’andata cominciato ad alti livelli, ha man mano perso punti, riducendo il suo vantaggio sulla seconda a cinque punti. Abbiamo chiesto al dg Calogero cosa è mancato a questo Palermo nelle ultime partite:

«Alla quarta di ritorno avere cinque punti non è male. Il Palermo è una squadra che ha una società seria e ambiziosa. Sono professionisti. Ha un tecnico che conosce la categoria e che sta facendo un buon lavoro. Cinque punti dalla seconda in un campionato dove è comunque protagonista. Parliamo di un girone con realtà importanti –ammette Calogero-. Assemblare e fare gruppo con una rosa allestita in dieci giorni non è facile, soprattutto in una piazza e un ambiente così importante. Il Palermo sta risentendo proprio la preparazione atletica fatta in poco tempo, ma andrà migliorando. Da dopo la sfida contro il Marina di Ragusa potrà ricominciare a fare punti importanti (ride, ndr)».

 

Il Marina di Ragusa, che vede ad un solo punto di distanza la zona salvezza, ha in panchina un tecnico palermitano: Sasà Utro. Ma come sta vivendo il mister la settimana che lo porterà alla sfida contro la squadra della sua città?

«All'esterno è tranquillo –ha dichiarato il dg-. Siamo consapevoli di affrontare la squadra più forte del campionato e  cerchiamo di prepararla in una certa maniera. Giocare contro la squadra per cui hai tifato fin da bambino, e per cui probabilmente tifa ancora, è un'emozione particolare, ma che riesce a gestire. Utro è molto professionale e preciso».

 

La società ha indetto per domenica “La giornata rossoblù’’. Quanti tagliandi dunque sono stati venduti ad oggi? Calogero ci ha parlato anche di questo: «Quasi 700 per il settore ospiti e 800 per i tifosi locali. Sarà record stagionale. È la prima volta che arriva in provincia una formazione del genere. C'e tanta attesa –ammette-. I tagliandi sono stati acquistati da tutta la provincia e mi fa tanto piacere. Il nostro territorio è da tempo che manca nel mondo del calcio professionistico e fino a qualche anno fa anche in quello dilettantistico. Il nostro obiettivo era di coinvolgere il territorio».

 

Sulla sfida di domenica il dg ha poi aggiunto: «Sarà una festa sportiva. Alla fine la partita vale tecnicamente tre punti e come realtà e società sappiamo che abbiamo 14 finali da giocare. Abbiamo il dovere di non guardare in faccia nessuno. Nelle gare in casa si fa sempre qualcosa in più rispetto alle sfide fuori casa».

 

La rosa del Marina di Ragusa è molto giovane, composta da circa 14-15 under. Che motivazioni può dare dunque una sfida come quella contro il Palermo?: «Il nostro è un gruppo giovane, anche gli over comunque sono giovani perché sono classe ’96 e ‘98. Ragazzi che si sono immedesimati bene nella categoria. La sfida contro il Palermo è qualcosa di speciale. Tutti cercheranno di dare il 101% e quindi qualcosa in più. I nostri ragazzi nelle ultime gare hanno fatto di tutto e sono strafelice di questo. Finalmente sto vedendo un gruppo affiatato e affamato –conclude Calogero-».






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *