LA SORPRESA

Crivello fuori lista: dalla
rinascita del Palermo ad oggi

Roberto Crivello fuori lista: dalla rinascita del Palermo ad oggi



Di Massimiliano Rincione

Primo settembre 2019. Il primo Palermo di Rosario Pergolizzi scende in campo nel polverosissimo campo dell'Antonino Lombardo Angotta. C'è ancora un caldo bestiale, tante incognite, ma soprattutto una certezza: il Palermo ricomincia dalla Serie D. Sarà un gol al 90esimo, con un cambio di pallone rocambolesco in stile "The Prestige" di Raimondo Lucera a regalare i primi tre punti della storia al nuovo corso rosanero. In campo, però, c'è un giocatore che ha calcato a più riprese campi di Serie B e Serie A. Stiamo parlando di Roberto Crivello, arrivato con l'etichetta di profeta in patria dopo lo svincolo con lo Spezia.

 

Lui, terzino sinistro, da Rosario Pergolizzi verrà schierato centrale nonostante una statura non elevatissima, risu-ltando tra i migliori in stagione. Arriva la C, arriva la prima stagione con l'avvicendamento Roberto Boscaglia-Giacomo Filippi, e lui è in campo. Da capitano. Perdendo però progressivamente più spazio col passaggio alla difesa a 3. Stagione 2021/2022, finisce fuori rosa assieme a Michele Somma poiché fuori dal progetto di mister Filippi. Un esilio sportivo che, comunque, dura poco, in quanto il 30 ottobre viene ufficialmente reintegrato in squadra. Il titolare designato è il francese Maxime Giron, ma lui ha comunque il suo spazio nel miracolo play-off.

 

Nuova stagione, nuovo scossone in panchina, ma Crivello è sempre lì, tanto in Coppa Italia quanto in campionato. Gioca titolare anche nella seconda e nella terza giornata di campionato. Ma, nella notte del primo settembre, arriva la notizia: Crivello fuori dalla lista dei 18 over 23. Il Palermo lascia un posto libero, e a farne le spese è l'ex Frosinone - come riportato da Il Giornale di Sicilia -. 

 

Per quale motivo arrivi questa scelta, ad oggi, non ci è dato saperlo: così è. Ed è dunque un ennesimo ricordo di quel Palermo che compì un doppio salto in tre anni che si allontana, lontano dal progetto che fu e sempre più votato alla progettazione graduale ma consapevole di casa City Group. Crivello probabilmente non avrà inciso, soprattutto in alcuni frangenti, come ci si aspettava, ma ingiusto è stato a più riprese il trattamento riservato ad un giocatore che nel pieno della sua maturità calcistica ha scelto di ripartire dalla sua città, rinunciando magari ad una buona B o ad una C importante, e che comunque ha dato il suo contributo nell'arrivare ai livelli in cui il Palermo oggi è.





2 commenti

  1. Bugia 33 giorni fa

    Anche io, fischi indegni sabato a un nostro calciatore, che cmq ha dato il suo contributo in questi anni. Grazie Roberto.

  2. Mario 33 giorni fa

    Concordo pienamente

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *