INTERVISTA

Budget, mercato e Pergolizzi
a tutto Sagramola

Budget, mercato e Pergolizzi: a tutto Sagramola



 

Intervenuto ieri nel corso della trasmissione Siamo Aquile su Trm, l'amministratore delegato Rinaldo Sagramola ha parlato della situazione in casa Palermo rispondendo alle critiche di essere una società con poca solidità economica e difendendo l'operato di Rosario Pergolizzi:

 

«Sono abbastanza soddisfatto di come stanno andando le cose. Si registra una preoccupazione diffusa quasi come se il campionato fosse finito e come se stessimo mancando il nostro obiettivo. Siamo ancora primi in classifica, stiamo affrontando un periodo un po’ di difficoltà ma in generale stiamo andando bene, vanno bene anche il settore giovanile e quello femminile. Stanno andando avanti tutti i punti della proposta presentata al comune, dal centro sportivo al rinnovamento dello stadio in modo da poter offrire ai tifosi la possibilità di assistere alla partita in modo civile. Sono stati cinque mesi molto impegnativi, c’è una forte pressione che era da preventivare. Obiettivo? La città, i tifosi e la società aspettano la promozione. Più passa il tempo più si avvicina la fine del campionato e la tensione aumenta. Quest’anno, a differenza di quanto accaduto nei campionati precedenti a qualche nobile decaduta, ci troviamo davanti ad un avversario temibile, ben strutturato che non molla e insegue, fa qualche polemichetta ad arte per mettere ulteriore pepe al confronto».

 

CRITICHE SOCIAL

«Sono cose che succedono dappertutto, la preoccupazione attuale è frutto delle ultime delusioni che i tifosi non hanno ancora smaltito per cui c’è un pregiudizio. Quello che trovo intollerabile è il fatto di continuare a sostenere, sia dai tifosi sia dai giornalisti disinformati, che ci siano difficoltà di carattere economico: sono delle follie. La trasferta in pullman è stata una scelta di carattere logistico, che è stata migliore di quella di prendere l’aereo. Sfido chiunque a trovare una società che abbia un’azionista come Hera Hora, che ha 15 milioni di capitale versati per far fronte alle necessità della SSD Palermo. La proprietà ha pagato un milione solo per l’iscrizione al campionato, e la gente continua ancora a dire che non ci sono soldi. Non abbiamo preso un giocatore per problemi economici ma a seguito di valutazioni tecniche, non badiamo a spese per quello che riteniamo giusto. A livello economico non esistono problemi, chi dice il contrario dice falsità».

 

MERCATO

«Infortunio Doda? Ci sono delle emergenze che dobbiamo cercare di superare con quello che abbiamo a casa. Ci stiamo guardando intorno per vedere se capita l’opportunità. Ripeto: non ci sono problemi economici. Abbiamo consapevolezza dell’importanza della posta in palio, facciamo tutto con la dovuta attenzione. Abbiamo preso chi ha aderito con entusiasmo alla proposta, chi ha cominciato a fare riflessioni lo abbiamo lasciato da parte. Questo è un progetto ambizioso che richiede tanto entusiasmo. Ci sono stati calciatori di Serie B o Lega Pro che hanno fatto le loro riflessioni e hanno ritenuto di non volersi mettere in gioco. Considerando Palermo non per la categoria, ma per quella che è la città e la piazza, ho interpretato alcuni rifiuti come mancanza di coraggio: devi metterti in gioco per venire qui, soprattutto dal punto di vista professionale. Differenza tra Serie A e Serie D? Ho la fortuna di aver fatto tutte le categorie, dai dilettanti e dalla seconda categoria. Il calcio è sempre lo stesso se lo fai seriamente, cambiano ovviamente le qualità complessive e le disponibilità economiche. Cambiano anche l’importanza delle decisioni che prendi, anche dal punto di vista mediatico. Le difficoltà di questo campionato? Lo trovo superiore qualitativamente da come me l’aspettavo. Mi sorprende la pochezza in termini di impiantistica, ci sono campi che sembrano campetti di Subbuteo, è imbarazzante. E’ comunque la quarta categoria d’Italia e si gioca su campi dove si fa fatica e dove anche noi troviamo difficoltà. Questa è la nota deludente, che rappresenta un ostacolo per chi vuole fare calcio. Alcuni colleghi mi hanno detto: ‘Non vi aspettate belle partite, non esistono belle partite in Serie D’. Noi siamo come il Real Madrid, la società da battere e quella con cui confrontarsi».

 

PERGOLIZZI

«Pergolizzi sconta alcuni peccati originali. Uno su tutti è che è palermitano, e quindi oggetto di invidia dei suoi colleghi che vorrebbero sedere al suo posto. E’ un allenatore che ha vinto l’unico titolo nazionale vinto dal Palermo nella sua storia. E’ un cattivo comunicatore, fa fatica a districarsi tra microfoni e taccuini, appare presuntuoso ma non lo è, anzi è molto timido e cerca di difendersi. Non è vero che non ha in mano lo spogliatoio, Castagnini segue sempre la squadra e non ha mai riferito o percepito malcontento o scollamenti. Pergolizzi pretende ritmi incalzanti, non è mai successo nulla. E’ uno spogliatoio strano con differenze d’età e d’esperienza notevoli. Non è facile gestire un gruppo così eterogeneo, ma non si registrano situazioni anomale. L’imperativo che abbiamo tutti è ovviamente vincere, quindi se non succede siamo tutti in discussione: ciascuno di noi sa quali sono le nostre responsabilità. La vecchia dirigenza non era la normalità, gli allenatori possono commettere degli errori ma non devono essere dimenticate le cose positive. Siamo primi in classifica, abbiamo delle difficoltà che mettono a nudo alcune lacune organizzative, facciamo fatica a fare gol ma davanti abbiamo giocatori da 40 gol che quest’anno ne hanno fatto 12, non è sempre responsabilità dell’allenatore. Non dobbiamo vedere sempre le cose in modo negativo. Oggi abbiamo delle difficoltà, determinate da problemi del centrocampo che ha difficoltà a tenere alto il baricentro. Sono dei meccanismi, di certo non è una scelta dell’allenatore quello di subire il pressing delle squadre avversarie e di arretrare. La squadra deve ritrovare le sue sicurezze. Il nostro peggiore avversario non è il Savoia, ma questa tensione intorno alla squadra che non sappiamo se siamo in grado di gestirla. Nessuno a parte Santana ha giocato in piazze così importanti con tensioni così importanti, e questo forse impedisce ai ragazzi di esprimersi come sanno. Noi abbiamo iniziato il campionato senza pressione, si percepiva che la gente avrebbe tollerato tutto, invece adesso non tollera più niente. E’ questo che quello che sente la squadra. Noi abbiamo un avversario in più rispetto ai nostri competitor, che è appunto la pressione: non sappiamo come i nostri giocatori riusciranno a metabolizzarla».


IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM

 SIAMO SU TWITTER

FACEBOOK SIAMO SU FACEBOOK

 

ALTRI ARTICOLI


 

ForzaPalermo.it LIVE da piazza Vittorio Veneto

 

 

Fumata grigia per il centro sportivo. Legambiente si oppone






17 commenti

  1. Rubini 37 giorni fa

    @Giuseppe 67 Rosanero. '''Sentire che la squadra è costata 7 milioni di euro è sconcertante e totalmente falso'''. FALSO?

  2. Mak 37 giorni fa

    Per Chi ancora difende il precessato sulla vicenda centro sportivo https://www.stadionews.it/palermo-centro-sportivo-sindaco-carini-intervista-attacco-termini-decaduti/amp/

  3. Rido 37 giorni fa

    Hanno troppi soldi x il vero calcio.

  4. Giuseppe 67 rosanero 38 giorni fa

    Sentire che la squadra è costata 7 milioni di euro è sconcertante e totalmente falso, molti sono arrivati da svincolati quindi praticamente a zero alcuni sono prestiti, ma veramente in pochi comprati che credo il più caro sia stato figarotta 80 mila euro

  5. max rosanero 38 giorni fa

    Chiacchiere .società senza soldi.

  6. Puppetta 38 giorni fa

    Yes aggancialo il cervello ogni tanto. Non puoi vivere sempre scollegato ... Come al solito non hai capito un bel niente. E quanto al milione versato alla Federazione, si vede bene che il tuo Palermo non fa parte dell'Associazione Addiopizzo ...

  7. Totuccione 38 giorni fa

    riscussi i ru liri...

  8. Francesco 70 38 giorni fa

    Tony,lassalu iri a Rubiniello,quando non sa cosa dire comincia con la sua solita sinfonia,distanza,ball close,giginiello,cose che solo il suo cervello fuorviante gli fa pensare.Passa il suo tempo annidato nel sito,pronto ad attaccare sistematicamente tutto e tutti,ormai è na malatia....

  9. Rubini 38 giorni fa

    Distanza, non è chiaro? E raziocinio, come unico lume, come disse il mio amico Sandrino, conosciuto ai più come Alessandro Manzoni! Ahahahah #abunodisceomnes

  10. Tony 38 giorni fa

    Sì si distanza, l'importante è non fermarsi su terreni in cui si pretende di costruire pure se non è previsto dal piano regolatore essendo agricoli.. Perché lo stadio era uno dei famosi regali alla città..tipo i cialtroni inglesi ????

  11. Rubini 38 giorni fa

    Tony, eccone un altro, della colonia ’ballclose abusive’ ahahahah via via! distanza!

  12. Tony 38 giorni fa

    Rubini non dire fesserie, il tuo idolo non veniva spernacchiato perché voleva fare stadio e centro sportivo ma perché tutti sapevano che non li avrebbe mai fatti e vendeva il solito fumo , quando le cose andavano male tirava fuori i soliti rendering per distrarre la piazza . La sua voglia di fare lo stadio é finita quando non gli hanno permesso di costruire appartamenti in zone dove non si poteva costruire.

  13. Yes 38 giorni fa

    Puppetto catanese, considera che 1 milione è stato speso solo per iscrizione al campionato. E un altro milione costa lo stadio. Direi che la federazione nom può che essere contenta

  14. Rubini 38 giorni fa

    Quando Zamparini parlava di Stadio e di Centri Sportivi, veniva sommerso da fischi e sberleffi (virtuali) da parte di certi 'tifosi', sempre presenti sul web ma sempre assenti, nella realtà del gioco, sia sui campi sia per le trasmissioni tv. Perché prima di tali fantasiosi progetti (da loro visti come brama ''r'avutri picciula''), pretendevano 'a squatra'. Eppure quelle di Zamparini sono sempre state grandi 'squatre', Serie A o da primato in B. Comunque GRANDI, anzi grandissime, rispetto alla storia del Palermo.

  15. Puppetta 38 giorni fa

    La Fiera delle s*******e. Se i numeri fossero realmente quelli che girano, be' ci sarebbe molto da approfondire a livello federale.

  16. chi non salta è zamparini 38 giorni fa

    Parole giuste, credibili, vere, equilibrate. Uno dei migliori dirigenti del friulano (che non ha fatto molto per trattenerlo, allora). Le palle che si leggono in giro sono insopportabili. Del resto lo vediamo anche qui ogni giorno

  17. Rubini 38 giorni fa

    Quindi, 15 milioni interamente versati. E ieri ho sentito che la squadra è costata quasi 7 (sette) milioni, stipendi esclusi. Per la Serie D, sono numeri stratosferici, bisogna ammetterlo. Consideriamo che il Parma della ripartenza in Serie D, con N. Scala, fu costruito con tre milioni ca, cifra già più che rispettabile, per la categoria.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *