BRIGNOLI

«A Palermo per rimettermi in
gioco. Il caos societario...»

«A Palermo per rimettermi in gioco. Il caos societario...»



 

Protagonista della vittoria sul Benevento grazie alle sue parate, Alberto Brignoli ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport della sua avventura a Palermo:

 

«Mi sono voluto rimettere in gioco, e volevo un posto fisso dopo alti e bassi tra Samp, la Spagna e il Perugia. A Palermo potevo rilanciarmi e ripartire forte. Benevento? Le cose non erano andate come speravo, ero deluso. Ma bisogna sempre trovare lo spunto per migliorare, dare la colpa agli altri non aiuta, così avevo accettato la scelta di stare in panchina anche se stavo facen­do bene. Con 20 presenze avrebbero dovuto riscattarmi, così non hanno fatto».

 

Il Palermo non vinceva due partite consecutive da dicembre, Brignoli ha spiegato il perché: «Colpa nostra. La Juve vince da 10 anni perché ha sempre fame, cosa che a noi è mancata. Ci siamo specchiati troppo, ma adesso abbiamo rimesso in piedi il campionato. Il caos societario ha intaccato qualcosa. Ci siamo guardati in faccia e ci siamo presi le nostre responsabilità».

 

Poi un commento sul finale di stagione: «Il turno di riposo del Lecce sarà decisivo, una partita in meno si sente: dobbiamo vincerle tutte per questo. E poi c’è Lecce­-Brescia, ma guardare troppo gli altri è stata una causa che ci ha fatto rallentare».






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *