L'INTERVISTA

Palermo, Arkus e la
Serie B: parla Bellinazzo

Palermo, Arkus e la Serie B: parla Bellinazzo



Domani dovrebbe essere il giorno del passaggio delle quote del Palermo Calcio da Daniela De Angeli ad Arkus Network, ma negli ultimi giorni si stanno diffondendo notizie sul gruppo di Walter Tuttolomondo che in qualche modo lasciano ancora dubbi sulla trattativa nei tifosi e non solo. L'esperto di Calcio e Finanza Marco Bellinazzo, intervistato da PianetaSerieB.it, ha parlato proprio dell'affare Palermo-Arkus

 

«In questa fase storica, a mio avviso, bisogna distinguere tra quello che è il mecenatismo, che va rimosso e che a certi livelli può fare solo danni, in quanto si basa su un approccio non manageriale, dannoso sia per il mecenate che per la società in questione, e il senso di appartenenza. Quest’ultimo riguarda i tifosi, definibili, non in termini giuridici ma in termini emotivi, gli stakeholders di un club. A loro va dato il merito di rendere viva la passione. Parliamo di un ruolo che va tutelato e che non dovrà essere ridotto in misura tale da parlare di meri clienti/consumatori. Il tifoso è anche ma non solo questo, è colui che dà senso al calcio».

 

DEFERIMENTO

«Bisogna dire che i parametri valutativi sono stati modificati qualche anno fa dalla FIGC di Tavecchio e Uva come direttore generale, rendendoli più rigidi e selettivi. Questo è stato fatto nell’ambito di un percorso di graduale applicazione degli indicatori introdotti, a partire da quello di liquidità. Il problema, nel caso del Palermo, è che parliamo di un’elusione, se non violazione, delle regole. Stando alle accuse, ci troviamo di fronte ad una vera e propria frode, un’alterazione di bilancio. Possono esserci i più vari parametri e criteri, ma la vera domanda, semmai, è questa: come mai chi ha controllato i bilanci del Palermo in questi ultimi tre anni non ha effettuato delle verifiche ulteriori, lasciando passare questi documenti, sulla cui veridicità c’erano ombre e discussioni? Sono anni che anche la stampa specializzata si occupa di questo caso, ma il Palermo è sempre rimasto indenne da qualsiasi rilievo per ciò che concerne i controlli federali. La COVISOC, ancora una volta, ha dimostrato di intervenire quando i buoi sono già scappati dalla stalla, in quanto potremmo citare anche il caso delle plusvalenze del Chievo, dove per anni e anni sono state effettuate iscrizioni al campionato con una sistematica alterazione della veridicità dei bilanci. Tornando al Palermo, mi riferisco anche al collegio sindacale che ha certificato quei bilanci nonostante la presenza di dubbi tali da portare il proprietario agli arresti domiciliari, con le Procure della Repubblica chiamate a indagare per ipotesi di reato da falso in bilancio e riciclaggio, bisognava operare diversamente. I punti interrogativi, oggi, sono enormi e si sono palesati in maniera ancora più chiara negli scorsi mesi con quelli che possiamo definire dei passaggi di proprietà fittizi, aventi come protagonisti pseudo-compratori inglesi. Sarebbe stato opportuno prendere provvedimenti e non limitarsi a occasionali critiche alla gestione Zamparini. Le norme ci sono, ma quando un soggetto acquista una società, e non ottempera all’obbligo di mostrare la propria solidità finanziaria e patrimoniale entro trenta giorni, senza che accada nulla, vuol dire essere dinanzi l’ennesima prova che ci sono notevoli problemi sotto l’aspetto dei controlli».

 

ARKUS

«Ritengo sia opportuno fare un’importante premessa: non abbiamo la certezza che l’operazione alla fine vada in porto e, visto tutto quello che sta accadendo, i dubbi crescono di ora in ora. Da questo punto di vista, bisogna prendere tutto con grandissimo beneficio di inventario. Le premesse, anche questa volta, non mi sembrano le migliori, perché non so quanto il Palermo sia staccato realmente da Zamparini in questi mesi, personalmente non credo molto. Detto questo, dico che i fondi di investimento, vedi Elliot-Milan, debbano essere i benvenuti nel mondo del calcio, previa la condizione che abbiano storia, identità e serietà. È altresì ovvio che un determinato tipo di operazione ti porta a cimentarti con un tipo di aziende con determinate specificità e che ti impongono di avere dei manager qualificati. Riprendiamo il caso del Milan, dov’è stato scelto Ivan Gazidis, un amministratore delegato che ha queste caratteristiche, mentre per il ramo sportivo ci si è affidati a professionalità riconosciute nel calcio italiano. Maldini potrebbe non avere esperienza in questo ruolo, mentre Leonardo ha trascorsi significativi, ma bisogna dire che si nota la volontà di affidarsi per l’appunto a manager qualificati, cosa che ritengo indispensabile sotto tutti i punti di vista».

 

FONDI DI INVESTIMENTO

«Mancano, in particolar modo in Italia, strutture preposte al controllo di determinate dinamiche. La COVISOC ha commesso molti errori, ma è anche vero che ha poteri di indagine abbastanza limitati, non è la CONSOB, per cui ritengo che si debba fare uno sforzo per adeguare quello che è il sistema di monitoraggio. Il primo passo da fare, però, è ammettere che ci sono stati dei problemi e che c’è un’incapacità importante nell’affrontare queste nuove situazioni. Bisognerebbe quindi aspettarsi un bagno di umiltà da chi è chiamato ad attuare questa funzione di controllo, solo così si può capire come intervenire. Continuare a far finta di niente è inutile, forse manca la volontà».

 

SERIE B

«La separazione tra Lega A e Lega B ha reso realmente fragile la cadetteria, senza dimenticare la Serie C. Abbiamo a che fare con delle leghe dove, fondamentalmente, non esistono ricavi, e quei pochi che ci sono non sono in grado di coprire i costi che il percorso sportivo necessita. La situazione subisce un netto peggioramento quando parliamo di progetti che puntano alla promozione o comunque ad un miglioramento e che, quando falliscono, portano al collasso della società, non a caso negli ultimi 15 anni i fallimenti sono stati oltre 150. Credo che questo dato sia stato enormemente sottovalutato. In Serie B non esiste alcuna proporzione tra entrate e uscite, quindi è evidente che condanni ulteriormente la base della piramide ad auto-eliminarsi. L’ideale sarebbe il modello di calcio professionistico sarebbe quello tedesco, con un minor numero di squadre, almeno nella fase di lancio, e con una maggiore solidarietà, come avviene tra Bundesliga e Zweite Liga. Solo questo potrebbe permettere di creare una struttura equilibrata, cosa che oggi non c’è. La povertà del sistema finisce per togliere spazio e possibilità agli investimenti oppure ai settori giovanili, difatti oggi vediamo come si punti soprattutto a far crescere i giovani delle grandi squadre, sono rari i casi di talenti coltivati in casa propria e, quando ciò accade, c’è la necessità di vendere per salvaguardare i conti. Tutto ciò non permette ad una realtà di crescere. Reggere ottanta squadre sotto la Serie A è insostenibile, mi sembra lapalissiano, anche chi non vuole vederlo per ragioni politiche dovrebbe ammetterlo”.






7 commenti

  1. Il Moro 23 giorni fa

    Torakiki ....diciamo che la lega e la figc avrebbero dovuto molto tempo prima mettere mani su questa SITUAZIONE (appunto nn iscrivendo i l club al campionato)senza aspettare che il coperchio lo aprisse x forza la procura, viene da pensare che tutto sommato che certe città grosse come Palermo e nn solo con un certo num.di abitanti siano nelle mani di presidenti preziosamente attaccati alle plusvalenze sia COMODO, in modo tale che lo strisciatismo possa accaparrarsi i primi 3/4 posti senza troppe noie....

  2. Torakiki 23 giorni fa

    La lega dopo la presa per i fondelli di sport Capital dovrebbe farsi dare le garanzie di copertura dei debiti prima del closing

  3. Il Moro 23 giorni fa

    DIREI CHE QUESTA SITUAZIONE SI STIA PURTROPPO VERIFICANDO DI NUOVO,TUTTI HANNO DUBBI SU QUESTA OPERAZIONE DI ARKUS MA CHI DI DOVERE COSA FA?....si aspetta sempre che scappino i buoi e poi...?!? Le norme ci sono, ma quando un soggetto acquista una società, e non ottempera all’obbligo di mostrare la propria solidità finanziaria e patrimoniale entro trenta giorni, senza che accada nulla, vuol dire essere dinanzi l’ennesima prova che ci sono notevoli problemi sotto l’aspetto dei controlli».

  4. Yes 23 giorni fa

    La situazione è che esistono pure due pesi e due misure. Quello che fa il Palermo con il valore patrimoniale della rosa lo fanno pure le altre. Messina però lascio il conto corrente vuoto come ha fatto Zamparini. Capisco la situazione e che non aveva più facile accesso al credito, ma doveva cedere a york subito, già a novembre. Oggi, tra procure e debiti la situazione è incancrenita

  5. Il Moro 24 giorni fa

    Condivido uno nessuno e centomila, Per ovvi motivi che mi sembra alla livce del sole È IMPENSABILE CHE UN SOGGETTO POSSA AVERE PIU DI UNA PROPRIETÀ CALCISTICA OVVIAMENTE, A MIO AVVISO SI DOVREBBE LEGIFERARE IN MODO TALE CHE IN EUROPA E QUINDI NON SOLO NEL CAMPIONATO NAZIONALE SI POSSA AVERE POSSEDERE PIÙ DI UN CLUB,UNO DEVE ESSER PROPRIETARIO DI UN SOLO UNICO CLUB E SEMMAI VENISSE SCOPERTO DI AVERE ALTRI CLUB CON PRESTANOME TALE/I SOGGETTI DOVREBBERO ESSER BUTTATO/I FUORI DAL MONDO DEL CALCIO

  6. Uno, Nessuno e Centomila 24 giorni fa

    Il problema è che si sta creando un sistema dove gruppi di Società sono controllate da una ristretta oligarchia di possessori ... Vedi i casi dei Lotito o dei De Laurentiis che controllano più o meno direttamente realtà importanti come Salerno e Bari e che vogliono mettere sotto controllo altri potenziali competitors tra cui figura il Palermo che - se ben gestito e con un progetto di crescita serio - può ambire a stare stabilmente tra i primi 8 club italiani con tutto ciò che ne consegue ...

  7. Yes 24 giorni fa

    Pienamente d'accordo.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *