GAZZETTA DELLO SPORT

Il «Barbera» torni fortino.
Così sarà un Palermo da A

Il «Barbera» torni fortino. Così sarà un Palermo da A



Durante la consueta conferenza stampa pre-gara Roberto Stellone ha voluto mandare un messaggio chiaro: la presenza numerosa dei tifosi allo stadio è un fattore fondamentale per una squadra che punta alla vittoria del campionato.

 

Il tecnico romano chiede sostegno per questi ragazzi che sotto la sua guida tecnica stanno facendo davvero bene: tre vittorie e un pareggio. Ma come capita da qualche anno a questa parte, l’affluenza al “Renzo Barbera” tende sempre a diminuire.


LEGGI:

STELLONE: «PIÙ GENTE VIENE, PIÙ CI DARÀ CARICA. IL 12° UOMO È FONDAMENTALE»


Nell’edizione odierna della Gazzetta dello Sport si parla della necessità di far tornare il “Renzo Barbera” un «fortino». Solo così, continua il quotidiano, il «Palermo sarà da A».  

Nell’articolo presente a pagina 54 del giornale, si analizza il rendimento delle gare dei rosanero tra trasferta e casa. Una differenza notevole e che era già evidente con Bruno Tedino.

 

Il secondo posto ottenuto finora in campionato, infatti, «lo si deve più al rendimento esterno e non a caso nella graduatoria delle gare in trasferta il Palermo è primo, nessuno in Serie B ha fatto meglio dei rosanero, mentre guardando la classifica delle partite disputate in casa è al decimo posto».


LEGGI:

STELLONE CAMBIA ANCORA: LE PROBABILI FORMAZIONI


Il match di oggi è molto importante: con una vittoria il Palermo potrebbe guadagnare il primo posto in classifica se il Pescara dovesse perdere o pareggiare contro il Lecce.

 

La sfida di oggi sarà fondamentale anche in vista dei prossimi impegni. Il Palermo dovrà affrontare Pescara, Verona e Benevento: tutte sfide promozione. I tre punti di oggi darebbero ancor più fiducia ai rosanero in vista dei prossimi big match.






4 commenti

  1. Rubini 41 giorni fa

    Ancora con ste magliette rosanero, basta! Un grande giornalista palermitano, Gianni Riotta (appassionato tifoso dell'Inter) ebbe a dire, al tempo delle vacche magre, che il rosanero portava attasso. Però il GdS chiamò poi proprio lui, per l'articolo di fondo, il giorno della PROMOZIONE. Invece, dopo la radiazione, qualcuno (al Comune) aveva proposto il giallo, per la rifondazione. Da Aquile a Canarini. C'è anche da dire che ormai Zamparini è da quindici anni il presidente del Palermo. Inevitabilmente il rosanero ricorda anche lui. Meglio cambiare, propongo il Rosso. Tiziano o Valentino.

  2. Pink 41 giorni fa

    Ma quando (e se ci andate), si va allo stadio, in campo c'è il Palermo o Zamparini, le maglie sono Rosanero o di diverso colore. Che ipocrisia. E non dite che quei pochi, pochi ma buoni, siamo chi o cosa. Siamo e saremo sempre nel bene o nel male solo tifosi del Palermo. Io lo sono dal 1967. Solo Palermo.

  3. Aggregazione galattica lame rotanti 41 giorni fa

    Finché varrà la legge delle plusvalenze, nessuno più andrà allo stadio, al nostro Tempio. Il calcio vero è quello delle minusvalenze.

  4. Aquilotto 41 giorni fa

    FINCHÉ CI SARÀ IL BUFFONE ,BUGIARDO E SCONCERTANTE FRIULANO STADIO VUOTOOOOOOH

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *