Baccaglini: «Closing? Verrà creata una società apposita» - Forza Palermo Calcio Giornale
OTTIMISMO

Baccaglini: «Closing? Verrà
creata una società apposita»

Baccaglini: «Closing? Verrà creata una società apposita»



Dopo una settimana intensa a Palermo, Paul Baccaglini, è tornato a casa sua, a Padova, per poi raggiungere la squadra a Udine per una partita decisiva ai fini della salvezza. Proprio a Padova l'imprenditore italo-americano ha parlato alla Gazzetta dello Sport della sua nuova squadra, dei suoi obiettivi e del suo passato.

 

«Li ho voluti incontrare uno per uno, partendo dall'allenatore Diego Lopez e alla fine ho chiesto loro di darmi del tu. Ho detto loro che ce la possiamo fare, ci possiamo ancora salvare. Il mio passato? Volevo fare il giocatore di Basket, ero un buon play. Amavo Jordan e Pozzecco, ma ginocchio e caviglia mi hanno tradito. Poi mi buttai nello spettaccolo, conobbi Claudio Cecchetto, poi è arrivata Rtl 102.5, quindi Le Iene, quattro stagioni. Poi l'incontro con Pif, Mtv e basta; ogni cosa ha suo tempo. E' stato bello finché è durato, ma non avrei mai obliterato il cartellino per stare nel mondo dello spettaccolo. Quindi mi sono buttato nel trading, avevo messo da parte un piccolo capitale, mi sono messo al computer, ho fatto pure ore di corsi online. Ore e ore sui mercati americani ed europei. La geomettria mi è sempre piaciuta e apprezzavo Cartesio con la sua teoria del metodo. Sono giovane, sto con una ex velina che, però, ha una testa così. Ho fatto Le Iene e ho più di 60 tatuaggi, ma ad aprile sarò al 100% proprietario del Palermo e sarà creata una società apposita. In città starò tanto dalla prossima stagione quando avremo sistemato la nostra vita. Io, Thais e sua figlia ci sistemeremo a Milano. Prendermo, comunque, una casa anche a Mondello. Non sono una meteora e neppure, come dicono, uno che sta tre mesi fino alla retrocessione a fare da parafulmini e poi torna Zamparini. Voglio vivere squadra e città».

 

Baccaglini spiega come ha prelevato il Palermo e i dettagli del suo fondo di investimento: «Ora spiego: con Zamparini mi ha messo inizialmente in contatto Frank Cascio. Poi ho conosciuto Baiguera, Maurizio voleva fare una riorganizzazione del suo patrimonio, all'interno del quale c'è pure il Palermo. Era stufo di insulti e pressioni. Questa è una collaborazione tra lui e me, che da ora faccio il presidente. Non si può dire che ho pagato il Palermo ad una certa cifra perché gli investimenti saranno fatti quando ci sarà bisogno. Sicuramente per lo stadio, che è il mio obiettivo principale, e gli incontri istituzionali della settimana scorsa lo dimostrano. Lo stadio è la chiesa in cui si celebra la messa. Quella con Zamparini è stata una tratttaiva condotta in Friuli in silenzio, come dovrebbe essere. Io rappresento Integritas Capital, che funge da tramite per alcuni investitori, ma non è che devono essere svelati i loro nomi. Si lavora in segreto con tanti studi legali. L'idea è quella di riorganizzare la struttura di Zamparini e alla componente protagonismo non ho proprio pensato. Zamparini non uscirà dalla mia vita, ha 40 anni di calcio alle spalle e ha acquistato giocatori come Dybala, Cavani e Pastore. Io sono così scemo che mi privo di lui? Il mio compito è quello di valorizzare il brand Palermo. In Italia i club non valorizzano i brand. Porterò in estate la squadra a New York. Ma in pochi giorni ho già messo su un progetto che mi sta a cuore: negli uffici dello stadio ospiteremo dei giovani dell'Università che progetteranno delle start up. Le migliori le faremo nostre».

 

Infine un commento sul tecnico attuale, Diego Lopez: «Mi piace, ha grinta e la infonde nei giocatori. E' uno di loro e lo rispettano. Io credo che Palermo debba rimanere in A, con tutto il rispetto per l'Empoli che abbiamo in casa all'ultima giornata. Spero tanto che la sfida sia decisiva. I ragazzi li ho visti decisi a provarci, poi penseremo a cosa fare. La base c'è e la società non è affatto messa male. Che rapporto avevo col calcio prima? Sono stato una volta a San Siro a guardare l'Inter, in radio mi hanno presentato Zanetti e ho ammirato Del Piero».






10 commenti

  1. Voltaire 18/03/2017

    Clodio è soltanto ridicolo, soprattutto quando altrove cerca di sembrare ancora attendibile e "frequentabile". Non ha capito che in questi ultimi 3 giorni si è giocato l'ultimo rimasuglio di reputazione rimasta e da adesso potrà interagire solo con i minus habens come lui. Il web rosanero è piccolo!

  2. RosaNero Amareggiato 18/03/2017

    e no Rosanero......Clodio ha solo bisogno di un buon cassonetto della spazzatura dove "ittarisi" e preferibilmente tinto di rosso azzurro che magari ci si addice pure ed è anche più contento...Clodio se ti serve più di una mano ti ci "ittamu" noi :-D

  3. rosanero 18/03/2017

    clodio hai bisogno di un bravo psicologo

  4. Clodio 18/03/2017

    Fozza catania, sono palemmitano ma del rosanero non mi frega nulla amo il rossoazzurro. Clodio o Clach vi pigghiu po cul...

  5. Voltaire 18/03/2017

    Incredibile!!! Oggi la Gazzetta dello Sport è stampata su fogli rosa con inchiostro nero! Sarà un caso? O dietro c'è lo zampino del mago del marketing Baccaglini?

  6. Keyser Soze 18/03/2017

    Ormai tutti siamo presi dai dubbi e si sparano le più svariate ipotesi, solo che stavolta dovremo aspettare poco per sapere la verità, e se dovesse essere l'ennesima presa per i fondelli non credo che Baccaglini e soprattutto zamparini potrebbero presentarsi in città a cuor leggero come se non fosse successo niente...

  7. Keyser Soze 18/03/2017

    Tino dacceli 6 numeri per il superenalotto dato che hai la verità in tasca e prevedi il futuro... ma va taliati a rubentus.

  8. tino 18/03/2017

    e' tutto un bluff non c'e' niente il palermo fallira'

  9. Zio Tibia 18/03/2017

    Serve chiarezza ma in primis investimenti sulla squadra, se verranno fatti come ha fatto intendere avrà tutti gli onori che merita (Zamparini o non Zamparini) se si continuerà con il leit motiv delle ultime stagioni il caro zio Sam può tornare negli usa.

  10. nonpossocrederci 18/03/2017

    Questa intervista non ha sciolto i miei dubbi anzi non mi ha convinto per niente non mi è piaciuto soprattutto il passaggo nel quale sostiene che non si libererà di zamparini uno che fa calcio da 40 anni (o affari con il calcio?) forse in sinsesi è questo il patto dell'affare sottoscritto con il friulano

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *