DECISIONE

Arriva la conferma:
la Serie B resta a 19 squadre

Arriva la conferma: la Serie B resta a 19 squadre



 

È deciso: la Serie B resta a 19 squadre.

 

La decisione arriva in seguito alla prima riunione del Consiglio Federale della FIGC dell’era Gravina.

 

Il Consiglio Federale prende atto della sentenza del Consiglio di Stato che ha lasciato inalterato il format della Serie B, confermandolo a 19 squadre.

Niente da fare dunque per le squadre potenzialmente ripescabili.

 

Di seguito le parole di Gabriele Gravina in merito alla decisione presa:

«Sulla Serie B abbiamo fatto una riflessione legata alla tutela del valore della competizione sportiva. Vogliamo rispettare la competizione sportiva: non possiamo aggiungere la beffa al danno e perdere altro tempo, non possiamo essere testardi a prescindere. Quindi auspico che tutti tornino a giocare».

 

SU FABBRICINI

«Quello che penso sul caos generato in estate è noto e non ho cambiato idea, è tutto scritto anche nelle diffide inviate al commissario Fabbricini. Non bisogna dimenticare che noi abbiamo il dovere di non pensare solo agli interessi specifici, ma ci sono interessi superiori che in questi mesi sono stati trascurati. E io oggi ho ribadito un concetto fondamentale: dobbiamo posizionare al centro i tifosi e dare delle risposte, dimostrando di essere coerenti».

 

La discussione in merito al format, tuttavia, si terrà il 15 novembre: «Il Consiglio di Stato questa mattina ha respinto il ricorso della Ternana - ha dichiarato Gravina - stabilendo inoltre la non anticipazione dal 15 novembre all'8 novembre della discussione in merito».






1 commento

  1. GabrieleMR 44 giorni fa

    E' un sistema riformabile solo dal basso con una legge di iniziativa popolare equilibrata e non generata da interessi che - a mio modesto parere - il più delle volte poco hanno a che fare con lo sport e la passione dei tifosi.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *