Aronica: «Per risalire servono giocatori di categoria» - Forza Palermo Calcio Giornale
CONSIGLI TECNICI

Aronica: «Per risalire servono
giocatori di categoria»

Aronica: «Per risalire servono giocatori di categoria»



Il Palermo si appresta ad andare in Serie B dopo una stagione, che di gioie ai tifosi, ne ha regalate ben poche. La vittoria contro la Fiorentina ha fatto aumentare i rimpianti considerando che si poteva fare qualche punto in più, soprattutto in casa. A parlarne è stato l'ex difensore rosanero, Salvatore Aronica, intervistato dal Giornale di Sicilia.

 

«La vittoria con la Fiorentina ha dato tregua vista la situazione tra società, squadra e vari allenatori che sono cambiati nel corso di questa stagione - ha detto Aronica -. Sicuramente aumenteranno i rimpianti perché è stata una partita che ha fatto capire che qualcosa in più questo Palermo poteva farla, mentre per riportare entusiasmo enll'ambiente ci vuole ben altro. Ci vuole programmazione. Peccato, perché secondo me questi 19 punti stanno stretti al Palermo. Penso soprattutto ai tanti punti persi nelle gare casalinghe con squadre alla portata. Per non parlare dei troppi cambi di allenatore e delle sessioni di mercato insoddisfacenti sia in estate, che in inverno. Insomma, bastava poco per lottare con squadre come Empoli o Crotone, che, forse, dal punto di vista dell'organico hanno addirittura qualcosa in meno del Palermo». 

 

Aronica non si tira indietro per dare le maggiori colpe all'assetto societario: «L'assetto instabile societario ha influito sul rendimento della squadra. Sia chiaro: anche i giocatori hanno le loro responsabilità, hanno dato meno di quello che potevano. Però non è facile allenarsi una settimana con un allenatore e la settimana successiva con un altro tecnico, così come non è facile non avere punti di riferimento in un club che è in vendita. Alla lunga questi sono aspetti che incidono sul rendimento di un atleta». 

 

La vittoria contro i viola è stata ottenuta con il 3-5-1-1, forse lo schiema che si adatta maggiormente ai giocatori rosanero, ma per l'ex difensore del Palermo non è il modulo l'aspetto a cui appigliarsi: «Il problema è che ogni allenatore adotta le proprie idee secondo le proprie convinzioni, mentre poi ci sono stati tecnici che hanno preso scelte perché spinti a farlo senza essere convinti». 

 

Aronica, infine, spiega come poter risalire in A: «Intanto, c'è l'esperienza dell'ultima promozione che deve servire da modello al Palermo. Ma in quel frangente c'era un programma, c'erano un direttore sportivo e un allenatore di esperienza. E poi servono giocatori di categorie e ne servono tanti».






1 commento

  1. Cagliostro 06/05/2017

    Ma stai zitto! Ci voleva un esperto come te per la precedente retrocessione, ormai eri finito, lo sapevi eppure sei venuto lo stesso, hai fatto c****e però ti sei ammuccato un triennale che ti ha fatto quel lestofante di Lo Monaco. Da allora sputi solo veleno sui colori rosanero. Vai a commentare qualche altra squadra. Delle tue perle di saggezza (e di quelle di Accardi) non sappiamo proprio che farcene.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *