GHIRELLI

«Promozioni dalla Serie D
mai messe in discussione»

«Promozioni dalla Serie D mai messe in discussione»



IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM

Twitter SIAMO SU TWITTER

FACEBOOK SIAMO SU FACEBOOK

 

"Qualsiasi tipo di decisione la può prendere solo il Consiglio Federale, mentre le varie Leghe possono avanzare soltanto ipotesi e proposte sul da farsi. Le Noif prevedono 9 promozioni dalla Serie D alla Lega Pro e nessuno ha mai pensato di metterle in discussione.

È una sciocchezza anche solo pensare il contrario.

La proposta del blocco delle retrocessioni in Lega Pro nasce dal fatto che queste ultime, a differenza delle promozioni dove c’è una differenziazione molto più netta di classifica tra le prime e le altre, rappresentano una situazione complicatissima da sbrogliare. Senza il blocco delle retrocessioni, rischiamo una marea di ricorsi che potrebbe tenerci fermi fino al prossimo anno.

 

Da quante squadre sarà composta la prossima serie C? Ora parlare di format è azzardato. Una revisione può avvenire con potere straordinario emanato dalla Federazione. Adesso il numero attuale è di 60 squadre, ma voglio vedere alla fine di questa emergenza quale sarà la fotografia reale della situazione, perché c’è il rischio di un numero imprecisato di società che potrebbero venir meno. Molti dei presidenti rischiano di abbandonare il calcio per la crisi delle loro aziende madri. Possiamo anche applicare dei criteri meno rigidi, ma se i soldi non ci sono non si può fare diversamente. I ripescaggi? I ripescaggi sono un plus a discrezione della Federazione, non un obbligo, indipendentemente dal format".

 

ALTRI ARTICOLI

 

L'AD DEL PALERMO SAGRAMOLA A FORZAPALERMO.IT - PARTE 1

 

IL CALCIOMERCATO DEL PALERMO DALLE PAROLE DI SAGRAMOLA

 

«ECCO PERCHE' SONO TORNATO A PALERMO» A TUTTO SAGRAMOLA

 

CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO DEL 25 APRILE IN SICILIA






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *