VERSO LA FASE 2

Sindaci a Conte: «Chiediamo
indicazioni precise»

Sindaci a Conte: «Chiediamo indicazioni precise»



IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM

Twitter SIAMO SU TWITTER

FACEBOOK SIAMO SU FACEBOOK

 

Noi Sindaci, fin dall'inizio di questa emergenza, abbiamo garantito collaborazione al Governo con senso di responsabilità e in un sincero spirito di solidarietà tra istituzioni - si legge nella lettera che i sindaci hanno spedito al premier Giuseppe Conte con le loro proposte in vista della cabina di regia -, che riteniamo doveroso. Oggi, confermando la nostra leale collaborazione, rivendichiamo alcune misure che riteniamo indispensabili per avviare la fase due, per una ripartenza vera, che non lasci indietro nessuno. E lo facciamo - scrive Ansa.it - con la nostra abituale concretezza.

 

Inoltre i Comuni chiedono di conoscere prima del 4 maggio l'elenco delle attività che riaprono alfine di predisporre le misure necessarie in materia di mobilità e trasporto, per regolare gli orari di uffici ed esercizi, il corretto utilizzo da parte dei cittadini degli spazi pubblici come i parchi, con eventuale indicazione dell'età.

È questa la prima richiesta che l'Anci notificherà al Governo. Si chiedono altresì "indicazioni chiare e inequivoche sul corretto utilizzo delle mascherine alla popolazione e ai lavoratori, assicurando disponibilità nelle farmacie ad un prezzo fisso calmierato".


ESCLUSIVO PALERMO, A TUTTO SAGRAMOLA (VIDEO)


E ancora "Assicurare a Comuni e Città metropolitane risorse congrue per la spesa corrente alla luce della imponente riduzione di gettito fiscale - ha chiesto ancora l'Anci -, con particolare riferimento all'azzeramento delle imposte di soggiorno e di occupazione del suolo pubblico e alla forte riduzione della Tari".

Infine il presidente dell’ANCI Antonio Decaro - durante una diretta Facebook - auspica che "venga ampliato il bonus bebè e il bonus babysitter, abbiamo chiesto di anticipare l'apertura dei campi estivi con oratori e il privato sociale".

 

Stiamo uscendo dalla emergenza sanitaria, la stiamo superando ma non stiamo uscendo dalla pandemia e dal rischio del contagio. E sono preoccupato dal fatto che magari tutti pensiamo che dal 4 maggio possiamo tornare a fare quello che facevamo prima ma in realtà non è così. Dobbiamo abituarci a vivere in maniera diversa rispetto al passato. Dalla cabina di regia ci aspettiamo indicazioni precise. A nome di tutti i sindaci italiani chiedo al governo indicazioni precise sul trasporto, sull'uso delle mascherine, su dove i genitori che tornano al lavoro potranno lasciare i bambini". 

 

Conclude così il presidente dei Comuni italiani Decaro


 

ALTRI ARTICOLI

 

ZTL, IL COMUNE DI PALERMO LA RIVUOLE

 

PALERMO, RIAPERTURA PARCHI: INGRESSO SU PRENOTAZIONE

 

«ECCO PERCHE' SONO TORNATO A PALERMO» A TUTTO SAGRAMOLA

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *