Amarcord 2002/03: è la prima stagione dell'era Zamparini. La ricorda Daniele Di Donato





La stagione 2001/02 si era chiusa per il Palermo con un anonimo decimo posto, conseguenza della distratta gestione Sensi, che si era trovato il Palermo sul groppone, ma aveva da seguire le vicende della Roma   e quindi i rosa per i giallorossi in un  certo senso  rappresentavano un peso del quale alleggerirsi. Era accaduto infatti  che all'inizio del 2000, quando il Palermo era in difficoltà, si era mosso Briatore con alle spalle la Juventus per rilevare il club rosa. Per contrastare questa iniziativa di sapore bianconero, si unirono Sensi, Cragnotti, Cecchi Gori e Gaucci e formarono una società. Ma nelle trattative ci furono dei tentennamenti, e il presidente della Roma completò l'affare da solo. L'approccio fu positivo, il Palermo che nel 2000/01 era in C1, balzò in B. Ma il campionato successivo, il 2001/02, come abbiamo detto non fu esaltante, anche perchè la dirigenza romana non era molto interessata alle cose rosanero, e questo portò, nell'estate del 2002, ad una trattativa Sensi-Zamparini, conclusasi con l'ingresso in società dell'imprenditore friulano per 20 milioni di euro. Quello che successe dopo è da record: Zamparini, che era proprietario del Venezia, portò con se in viale del Fante oltre ad una parte della dirigenza, l'allenatore (Glerean) e 12 giocatori: il portiere Rossi, i difensori Bilica, Conteh e Modesto, i centrocampisti Lai, Marasco, Morrone, Ongfiang, Santana e Soligo (che poi venne riprestato al Venezia), e gli attaccanti Di Napoli e Maniero. Di questa stagione ha un preciso ricordo Daniele Di Donato, l'indimenticato centrocampista rosanero, intervistato da Roberto Pedivellano per "Amarcord - Rosanero Storia", la rubrica che cura per "Rotocalcio", la trasmissione televisiva che va in onda ogni martedì su TeleOne, condotta da Michele Sardo e Toni D'Anna. sonettiNonostante la presenza degli ottimi giocatori "importati" dal Venezia, oltre a Zauli e Asta (e Di Donato, aggiungiamo noi), il centrocampista rosanero ricorda che  la partenza della stagione fu un po' travagliata... La conseguenza fu che l'allenatore Glerean, dopo la prima giornata venne sostituito da Arrigoni. Ma l'andamento restò altanelante, e Zamparini non stette a guardare. Fuori Arrigoni e dentro Sonetti, vecchia volpe con esperienza, che riuscì a dare alla squadra la spinta giusta, perchè da allora cominciò a marciare con il passo giusto. Ricorda Di Donato che furono  pungolati anche da Zamparini, che nel corso di una cena si disse certo che non si sarebbero mossi dal centro classifica... Invece i rosanero si avvicinarono sempre di più alla vetta, vincendo quasi tutte le partite, fino a disputare uno spareggio per la promozione in A con il Lecce, che purtroppo si concluse con la vittoria dei pugliesi. La delusione venne lenita, ricorda infine Di Donato, dall'accoglienza che ricevettero a Palermo, formazione-2002-03al ritorno di questa sfortunata trasferta.






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *