IL GIORNO PIù TRISTE

24 giugno 2019. L'odissea di
Farris senza nulla in mano

24 giugno 2019. L'odissea di Farris senza nulla in mano



 

Un anno fa il Palermo non si era iscritto al campionato di Serie B decretando di fatto il fallimento del vecchio Palermo: Il Giornale di Sicilia racconta la storia dell’allora segretario del settore giovanile rosanero, Lorenzo Farris (oggi al Milan): un viaggio a Milano senza nulla in mano, attendendo una fideiussione che non c’è mai stata:

 

Francavilla mi disse di andare a Milano, che sicuramente qualcosa avrebbe potuto muoversi, invece non si è mosso nulla. Quel giorno ero a Roma, mi ci hanno mandato Francavilla e De Angeli, – spiega Farris – avendo casa lì andai il giorno prima. Non avevo niente in mano, sono rimasto tutto il pomeriggio in zona stazione, tenendomi in contatto sempre con Francavilla. Ho scambiato anche un paio di messaggi con Lucchesi, informandolo di essere in attesa lì"- Farris arriva nella sede della Lega alle 23.52 nella sede della Lega e capisce che è tutto finito: “C’erano il direttore generale e altri dirigenti che conosco, ma nessun altro. Quella notte, a 41 anni, ho pianto come mai mi era capitato prima”.


 






6 commenti

  1. Chi non salta è zamparini 19 giorni fa

    La peggior umiliazione durante il sultanato, a livello di campo, è stata l’eliminazione in casa (da squadra di A) col Ravenna (squadra di C) prodezza ripetuta anni dopo con l’Alessandria. Fuori dal campo le peggiori umilizioni sono state invece...... non basterebbero due volumi da 500 pagine ciascuno per rievocarle. Sono particolarmente affezionato però alla frase ‘questo è l’ultimo regalo che faccio alla città di Palermo’ con il circo inglese + Facile e Belli. Poi solo l’imbarazzo della scelta.

  2. chi non salta è zamparini 19 giorni fa

    Tony ha ragione. Pensava di farlo fallire in mano d'altri e non gli è andata bene. Sono in arrivo altri deferimenti e prima o poi la verità verrà a galla. Il peggior manager calcistico mai apparso sulla superficie terrestre nonché, di conseguenza, il peggior presidente del PALERMO di ogni tempo con distanza 'galattica' dagli altri (i risultati sportivi dell'US Città di Palermo da lui fatta fallire, sono solo merito dei suoi validi collaboratori TUTTI licenziati) ha lasciato solo carte bollate e uno sparuto gruppo di lacchè, che si sono ormai coperti di ridicolo. Dobbiamo solo attendere.

  3. Tony 20 giorni fa

    Non sarebbe mai rimasto perché non solo il.palermo con tutti i tappi sul bilancio sarebbe fallito uguale ma lui era convinto che facendosi da parte ne usciva pulito

  4. Aggregazione galattica lame rotanti 20 giorni fa

    Se Zamparini fosse rimasto tutto ciò non sarebbe mai accaduto e il Palermo non avrebbe mai provato l'umiliazione della Serie D e dell'eliminazione al primo turno della Coppa Italia nella medesima categoria. Egli è stato infatti il miglior Presidente della storia rosanero, con distacco siderale dagli altri.

  5. Fabio 20 giorni fa

    Bisogna ringraziare l'artefice di questa vergogna,quello che ha lasciato in mani sicure facendo l'ultimo regalo alla città. Il peggior presidente della storia per distacco

  6. Francesco 70 20 giorni fa

    L'ultimo regalo alla città di Palermo!!Zamparini il peggior presidente della storia del Palermo calcio!!

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *