Pergolizzi: «Certe partite
si vincono anche così»